Detrazioni fiscali per l'acquisto dei libri scolastici, le informazioni

Nell'acquisto dei testi è importante verificare quali siano i testi obbligatori e quelli semplicemente "consigliati", ponendo attenzione alle offerte della grande distribuzione organizzata

0,51€ al giorno in media per un figlio alle scuole medie, cifra che per l'intero ciclo delle superiori diventa pari a 0,64€, questo l'impegno al quale sono chiamate le famiglie italiane per i libri di testo per il prossimo anno scolastico 2018/2019 al netto di vocabolari e testi consigliati secondo i dati elaborati, per conto di Ali-Confcommercio, da Rinascita Informatica.

"La dotazione di libri di testo - ricorda Ali Confcommercio presente anche a livello cesenate e territoriale - risponde a precise esigenze didattiche degli insegnanti che nella scelta coinvolgono genitori e studenti attraverso i loro rappresentanti nei consigli di classe e di istituto; il consiglio d'istituto verifica il rispetto del tetto di spesa stabilito dal Ministero. Il prezzo dei libri viene stabilito dall'editore ed è valido per tutto l'anno solare vincolando tutta la filiera distributiva e garantendo così famiglie, studenti e insegnanti; gli editori depositano i propri listini al Ministero.

Nell'acquisto dei testi è importante verificare quali siano i testi obbligatori e quelli semplicemente "consigliati", ponendo attenzione alle offerte della grande distribuzione organizzata: possono essere economicamente vantaggiose, ma a volte il servizio post-vendita non è tempestivo come quello delle librerie e cartolibrerie che garantiscono tutto l'anno un migliore servizio e rapporto qualità-prezzo. Per chi si rivolge invece al mercato dell'usato, è consigliabile verificare che l'edizione del libro sia aggiornata e dotata di allegati ed eventuali cd. Se invece si acquista un testo nuovo occorre informarsi sui tempi di consegna: è già capitato che i libri siano arrivati a lezioni già iniziate. In tutto questo, nelle librerie e cartolibrerie il personale è sempre a disposizione, offrendo un servizio che dura tutto l'anno.

 “La scuola è per i nostri figli un'opportunità di crescita e un percorso che li porterà un domani ad essere cittadini del mondo”, sottolinea  Ali-Confcommercio cesenate -. I libri di testo in questo percorso di crescita e formazione sono un importante strumento e anziché criticarne il costo sarebbe più utile richiederne il reale utilizzo, dato che non esiste l'obbligo dell'adozione. Ciò premesso, i librai sono da sempre convinti che le famiglie debbano essere sostenute nell'impegno educativo dei loro figli con forme di detrazione fiscale al pari, ad esempio, delle spese mediche e per la palestra. La nostra proposta, avanzata da anni, è la  detrazione fiscale nelle sedi istituzionali, a cui si accompagna l'offertas agl istudenti, alle loro famiglie e alla scuola della competenza e della professionalità del nostro servizio tutto l'anno, convinti come siamo che la prima vera forma di risparmio è il servizio".

"Le prescrizioni ministeriali relative ai libri di testo per il nuovo anno scolastico sono chiare rispetto dei tetti di spesa e l'adozione di strumenti alternativi e di materiale didattico digitale - prosegue Ali Confcommercio - se correttamente attuati, possono consentire una limitazione significativa dei costi. È utile orientare le proprie scelte d'acquisto non solo in base al prezzo ma anche alla qualità del prodotto e all'affidabilità del servizio post vendita. Grazie ad un rinnovato accordo con il Ministero (Miur), per tutti gli studenti possessori della Carta dello Studente, verrà riservato uno sconto generico del 10% su tutti i prodotti di cancelleria (eccetto libri di testo)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento