Vicenda Gessi, il sindaco assente in Commissione: l'opposizione attacca

All'appuntamento soo intervenuti anche gli ex assessori al Patrimonio ed Edilizia Pubblica, Guidazzi e Andreucci, e gli ex dirigenti Frani e Bonetti

La vicenda dei Gessi è stata al centro della quinta Commissione riunitasi giovedì sera. All'appuntamento soo intervenuti anche gli ex assessori al Patrimonio ed Edilizia Pubblica, Guidazzi e Andreucci, e gli ex dirigenti Frani e Bonetti. Su richiesta del Movimento 5 Stelle l'incontro sarà pubblicato martedì prossimo sul sito del Comune di Cesena. "La presenza di tante persone ha sancito l'importanza della commissione - affermano i pentastellati -. Gli ex amministratori hanno risposto per esteso alle incalzanti domande di commissari ed esperti dell'opposizione e definito con chiarezza tutte le procedure di affidamento dell'immobile (ex ristorante I Gessi) che sono apparse limpidamente conformi al dettato normativo. È risultato evidente come la giunta guidata dall'ex-sindaco Giordano Conti abbia agito e intrapreso tutto ciò che era in suo potere per riqualificare un immobile di proprietà del Comune, abbandonato e dimenticato, e restituirgli dignità e attenzione nell'interesse collettivo".

"È emerso - prosegue dal Movimento 5 Stelle - come i problemi siano sorti nel cambio di legislatura, quando nel 2009 si è insediata la Giunta Lucchi che è risultata palesemente indifferente all'idea di riqualificazione del sito. Infatti alla luce delle soluzioni prospettate dagli ex-amministratori, facilmente percorribili, il tempo per risolvere il problema c'era, solo se ci fosse stata la volontà politica di Lucchi & C. L'azione legale subita dal comune di Cesena da parte della società Al Monte con una richiesta danni superiore ai 4 milioni di euro è apparsa conseguenza diretta della totale mancanza di interesse dell'amministrazione Lucchi alla vicenda, ma sicura di avere in mano le carte vincenti per risolverla "a modo suo". La giunta è rimasta colpevolmente silente in attesa della prossima audizione che la vedrà protagonista". I pentastellati hanno contestato inoltre l'assenza del sindaco Lucchi.

Libera Cesena

Attacca l'amministrazione Lucchi anche il consigliere comunale di Libera Cesena, Marco Casali: "La commissione ci ha svelato una triste realtà: di quella attività ne vivevano 14 famiglie. Non è un dato insignificante, anzi è il primo dato da ricordare perché quando si perde un lavoro è un dramma ma peggio se a fartelo perdere è proprio la tua stessa amministrazione pubblica (che dice di difendere il lavoro).  Ma ve ne sono altri di dati, tutti ineludibili: i 200 mila euro e più di spese legali, oneri e mancati affitti (già nel tempo accollati alla nostra comunità) e i costi che si dovranno sostenere per  rimettere in ordine il fabbricato (ora rovinoso e penoso) e infine quelli che dovremmo dare alla controparte vincente (ci chiedono qualche milione di euro di danni). Non piove, qui grandina e anche forte Ma la commissione ci ha detto anche altre cose". Anche Casali ha contestato l'assenza del primo cittadino: "Un comportamento che evade dichiaratamente da quello di un amministratore pubblico per entrare nello scansa pericoli, attitudine innata del nostro Sindaco che ora punta il dito nei confronti di ex-dirigenti e amministratori, scordandosi forse che fra quelli molto probabilmente c’è anche un suo attuale componente di giunta. Ma si sa, quando c’è da prendere la scialuppa del Titanic, non si va tanto per il sottile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Medicina, moda e ricerca: le tre eccellenze cesenati per il premio Malatesta Novello

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento