rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Politica

Via libera alla legge regionale sulla partecipazione alle politiche europee

Una soddisfatta Lia Montalti, relatrice della Legge, commenta in maniera positiva il voto

Informare, partecipare e proporre. Sono queste le parole d’ordine della nuova norma regionale sulla partecipazione dell’Emilia-Romagna alle politiche europee, approvata martedì. Una soddisfatta Lia Montalti, relatrice della Legge, commenta in maniera positiva il voto: “La Legge appena approvata ha una duplice funzione: da una parte introduce strumenti di promozione della cittadinanza europea, a partire delle giovani generazioni, attraverso specifici progetti di scuole, mondo dell’associazionismo e dei Comuni, dall’altra mira a garantire la più efficace partecipazione da parte della Regione nei confronti della formazione ed attuazione delle politiche e delle norme europee”.

Le modifiche alla Legge 16/2008, non riguardano solo i meccanismi partecipativi, ma hanno l’obiettivo di rafforzare modalità e strumenti per intervenire nei processi decisionali delle politiche europee, dando voce e veicolando le istanze che provengono dal territorio. “La partecipazione dell’Emilia-Romagna alle politiche europee non nasce oggi, pensiamo infatti che per far funzionare l’Europa si debba essere presenti e propositivi. Questo a differenza di chi predilige all’impegno i facili slogan - continua Montalti -. Un esempio concreto è l’azione che la nostra Regione sta portando avanti, insieme alle altre regioni europee dell’Alleanza per la Coesione, difendendo a Bruxelles le politiche di coesione e la politica agricola comune, ovvero quei fondi europei che sono risorse strategiche per il territorio e per settori fondamentali della nostra economia come l’agricoltura”.

L'esponente dem ricorda anche che è stato particolarmente importante discutere e approvare questa legge alla vigilia della Festa dell’Europa del 9 maggio. “Una riforma come questa può rappresentare una risposta concreta per superare l’idea di una Europa da “subire” . conclude -, rilanciando un nuovo protagonismo delle istituzioni locali, delle persone e dei territori. Questa è l’unica strada che abbiamo per poter colmare la distanza che si è andata creando tra i cittadini europei e Bruxelles”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via libera alla legge regionale sulla partecipazione alle politiche europee

CesenaToday è in caricamento