Politica

Vertenza Comune-Polizia Locale, M5S: "Cesena è l'unica che applica diversamente il contratto di lavoro"

Capire le motivazioni della vertenza della Polizia Locale nei confronti dell’amministrazione comunale: con questo scopo si è svolta lunedì la prima commissione consigliare

Capire le motivazioni della vertenza della Polizia Locale nei confronti dell’amministrazione comunale: con questo scopo si è svolta lunedì la prima commissione consigliare che aveva all'ordine del giorno, presenti assessore e dirigenti comunali, la partecipazione dei rappresentanti dei sindacati della Polizia Locale. Commenta il M5S la questione: "I contorni della questione sono ora molto più chiari e si capisce perché a palazzo Albornoz non se ne voglia parlare: gli agenti di PL chiedono, secondo contratto, e come succede da 20 anni, che vengano loro riconosciuti il disagio e il corrispettivo economico per il giorno festivo infrasettimanale lavorato, che primo in tutta la Romagna il comune di Cesena ora non vuole più riconoscere".

Continua la nota: "Questo diritto è invece per noi completamente giustificato, da CCNL, anche perché lo stato di agitazione indetto dalla PL ( e che potrebbe sfociare in sciopero) appare dovuto solo all’ assoluta ostinazione da parte di Sindaco e assessore che, ora lo sappiamo, vanno avanti a colpi di pareri e sentenze, interpretati ad hoc, infischiandosene bellamente del mantenere un buon rapporto con l’intero corpo di polizia locale ormai stanco di questa tiritera (che va avanti da oltre un anno) e anche deluso dal mancato riconoscimento dell’impegno profuso durante l’emergenza Covid19. Ci chiediamo allora perché il Ccomune ha preso questa decisione? I comuni a noi vicini non lo hanno fatto, interpretando il CCNL e la norma in modo diverso e ragionevole per le parti. Da noi no: si va avanti a muso duro senza considerare le conseguenze che si potranno riflettere sui cittadini che vivono ogni giorno il problema sicurezza e di cui gli agenti di PL sono punti di riferimento importanti per la comunità".

E conclude il M5S: "La commissione di ieri ha dimostrato ancora una volta la doppia identità di questa giunta; da un lato gli annunci roboanti della “splendida situazione di sicurezza che si vive a Cesena”, garantita da organi di controllo perfettamente organizzati e collaboranti; dall’altro la realtà fatta di episodi quotidiani di microcriminalità e criminalità vera e propria che si susseguono a ritmo continuo monitorati da un corpo di polizia locale sfiduciato penalizzato e male organizzato (il comando visto e sentito ha le sue colpe dato che si è appiattito completamente sulle posizioni dell’amministrazione senza nemmeno cercare di spiegare le ragioni della vertenza dei propri agenti). Non è una bella situazione sia per il corpo sia per noi cittadini, sia per l’immagine che la città dà di sé all’esterno. Il M5S dopo il “muro di gomma” mostrato ieri da assessore e dirigenti, ha richiesto un ulteriore incontro per approfondire ulteriormente gli sviluppi della questione che non può assolutamente continuare in questo modo, con uno “scontro” incomprensibile tra due soggetti della stessa squadra".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Comune-Polizia Locale, M5S: "Cesena è l'unica che applica diversamente il contratto di lavoro"

CesenaToday è in caricamento