Novello, accellerata per oltre 300 alloggi popolari: approvata la variante al Programma di Riqualificazione Urbana

L’obiettivo prioritario del provvedimento è quello di accelerare il percorso per la costruzione degli oltre 300 alloggi di housing sociali previsti nel comparto.

Concluse le fasi della pubblicazione e delle osservazioni, la Giunta Comunale di Cesena ha approvato definitivamente la Variante al Programma di Riqualificazione Urbana Novello, adottata nel luglio scorso. A darne notizia, con una lettera inviata ai consiglieri comunali., sono il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore alle Politiche di qualificazione urbana Orazio Moretti, che riepilogano i contenuti della Variante, evidenziando come l’obiettivo prioritario del provvedimento sia quello di accelerare il percorso per la costruzione degli oltre 300 alloggi di housing sociali previsti nel comparto.

"Rispetto all’intero Programma di Riqualificazione Urbana per l’Amministrazione Comunale, la priorità è costituita dalla realizzazione dell’housing sociale, e dal conseguimento dei finanziamenti della Cassa Depositi e Prestiti - affermano Lucchi e Moretti -. L’obiettivo della Variante, consiste infatti nella predisposizione di due sub comparti distinti, rispetto all’intero Comparto 1, allo scopo di agevolare la realizzazione degli alloggi sociali, a costi calmierati, indipendentemente dalle altre previsioni contenute nel complessivo Programma di Riqualificazione Urbana".

"Considerato che nel Pru. le aree del comparto 1, la cui superficie territoriale è pari a 48.146 metri quadrati, non sono tutte interessate dalla realizzazione di edilizia sociale (vi sono infatti ricomprese anche attività direzionali), si è resa quindi necessaria una Variante, che suddivida il comparto 1 in due porzioni autonome - aggiungono gli amministratori -. Ciò per consentire la realizzazione degli interventi di edilizia sociale, senza interferenze con gli altri interventi previsti.La Variante al Programma di Riqualificazione Urbana, ha quindi una natura esclusivamente operativa, e non modifica i contenuti del Pru., in quanto prevede esclusivamente la suddivisione del comparto 1 in due sub comparti, con i medesimi relativi standard urbanistici".

Lucchi e Moretti ricordano che "nel sub comparto 1A sono comprese le proprietà del Comune, della Cils, della Sapro, e delle Ferrovie dello Stato, con destinazioni prevalentemente residenziali per 24.341 metri quadrati, rispetto ai 32.527 metri quadrati totali, e ricalca esattamente il perimetro individuato dalla delibera di Consiglio Comunale del 2012, con l’aggiunta della proprietà Cils che ha già sottoscritto la convenzione. Mentre nel sub comparto 1B sono comprese le proprietà Comunali e della Società Nuova Madonnina, e prevede prevalentemente destinazioni ricettivo/direzionali per 10.796 metri quadrati, e residenziali per 1.933 metri quadrati. rispetto ai 12.729 metri quadrati totali, e potrà essere avviato autonomamente, se e quando, le condizioni di mercato saranno favorevoli a tali investimenti". "In ogni caso - concludono - il quadro generale degli interventi sarà ridefinito con apposita deliberazione consiliare, ad avvenuto perfezionamento della procedura in corso con Cassa Depositi e Prestiti, finalizzata alla compartecipazione al Fondo Immobiliar"e.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento