Tribunale di Cesena, "quali sono le intenzioni del governo?"

La senatrice Laura Bianconi e gli onorevoli Sandro Brandolini e Sandro Gozi hanno rivolto un’interrogazione ai Ministri Severino e Cancellieri per conoscere gli intendimenti del Governo

La senatrice Laura Bianconi e gli onorevoli Sandro Brandolini e Sandro Gozi hanno rivolto un’interrogazione ai Ministri  Severino e Cancellieri per conoscere gli intendimenti del Governo riguardo il Tribunale di Cesena e gli altri uffici giudiziari presenti sul territorio come il Giudice di Pace e gli ufficiali giudiziari. In particolare nella loro interrogazione i due parlamentari sottolineano come i due comprensori, quello forlivese e quello cesenate siano sostanzialmente omogenei per quanto riguarda territorio, abitanti e numero di cause.

“La sostanziale omogeneità tra Forlì e Cesena risponde ai criteri stabiliti dalla legge delega per la riorganizzazione degli uffici giudiziari – fanno notare Bianconi, Brandolini e Gozi – soprattutto i carichi di lavoro sono sostanzialmente gli stessi, e questi sono criteri oggettivi per non procedere in automatico alla soppressione delle sedi di Cesena. Già lo scorso marzo,  nel corso di un incontro con i funzionari del Ministero della Giustizia, avevamo fatto presente che per quanto riguardava il Giudice di Pace un’analisi più approfondita rilevava che le iscrizioni pro-capite di Cesena sono il doppio di quelle stabilite dalla soglia minima del Ministero, e di questo occorre tenere conto nella decisione finale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inoltre – concludono i parlamentari – siamo preoccupati anche da voci che ci sono state riferite riguardo trattative per affittare nuovi locali in adiacenza al Tribunale di Forlì in cui collocare gli uffici che verranno soppressi a Cesena, e per i costi per l’eventuale ristrutturazione del Palazzo di Giustizia di Forlì, quando la sede di Cesena è gratuita essendo di proprietà comunale. Per questo motivo abbiamo sollecitato sia il ministro di Giustizia che quello dell’Interno per conoscere quali siano i reali intendimenti del Governo, ma soprattutto perché alla luce dei dati non procedano con la soppressione degli Uffici Giudiziari di Cesena”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

  • Il furgone come "ariete", spariscono borse e scarpe di lusso: colpo da 100mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento