rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Politica Sarsina

Trasporto pubblico, sostegno agli studenti pendolari: confermato il bonus per gli abbonamenti

L'amministrazione comunale di Sarsina ha deliberato, per il secondo anno consecutivo, la costituzione di un fondo di 5mila euro per abbattere il costo degli abbonamenti

Confermato il fondo da 5mila euro per abbattere il costo degli abbonamenti dei trasporti scolastici  L'amministrazione comunale di Sarsina ha deliberato, per il secondo anno consecutivo, la costituzione di un fondo di 5mila euro per abbattere il costo degli abbonamenti in favore degli  studenti sarsinati delle scuole superiori che utilizzano il trasporto pubblico locale extraurbano. 

"Dallo scorso anno scolastico infatti non è stato più possibile per gli studenti rinnovare il classico abbonamento a 10 mesi, l’azienda della mobilità ha imposto il pagamento annuale comprensivo  anche dei mesi estivi. Tale scelta ha prodotto un aumento medio del costo ad abbonamento di  circa 40 euro mascherato da un’estensione temporale del servizio che molto spesso non viene  utilizzato dai nostri ragazzi che vivono distanti dalle mete costiere e non possono godere del  fitto reticolo di autobus che vi è in città” ricorda il Sindaco Enrico Cangini. 

"E’ una politica che non abbiamo condiviso e assieme ad altri sindaci ci stiamo battendo per  una maggiore perequazione verso le aree montane per evitare di penalizzare ulteriormente  ragazzi che già vivono la difficoltà della vita da pendolare. Nondimeno – prosegue il primo  cittadino - consapevoli dei costi complessivi che le famiglie devono sostenere per mandare i figli a scuola, abbiamo deciso di mettere a disposizione anche per l’anno scolastico 19-20 la  somma di 5.000 euro che servirà per abbattere il costo del servizio di circa 40 euro a studente  con abbonamento “under 26” mantenendo di fatto invariato il costo per le famiglie del territorio che continueranno a spendere la cifra spesa fino al 2018". 

"E’ una scelta anche di attenzione alla persona che soprattutto va incontro alle fasce più deboli  ed alle famiglie più numerose cercando, seppur con risorse limitate, di tutelare il diritto allo  studio di chi vive e vuole continuare a vivere nelle piccole città appenniniche. Nelle prossime  settimane – conclude Cangini – gli aventi diritto (circa 100) riceveranno a casa una lettera dove  vedranno spiegate le modalità di ottenimento di tale bonus".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto pubblico, sostegno agli studenti pendolari: confermato il bonus per gli abbonamenti

CesenaToday è in caricamento