Tavolo sul lavoro e economia, Potere al Popolo: "Tra assenze e immobilismo un quadro davvero triste e disarmante"

"Noi ne siamo stati tenuti fuori, evidentemente non si può "invitare" chi parla di questioni reali in termini concreti. I soliti "noti" a parlare di lavoro e economia nel "tavolo" voluto fortemente dal sindaco di Cesena Polo Lucchi, che si sta rivelando per quel che è: un bel flop"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

"Tavolo sul lavoro e economia: tra assenze e immobilismo un quadro davvero triste e disarmante. Noi ne siamo stati tenuti fuori, evidentemente non si può "invitare" chi parla di questioni reali in termini concreti. I soliti "noti" a parlare di lavoro e economia nel "tavolo" voluto fortemente dal sindaco di Cesena Polo Lucchi, che si sta rivelando per quel che è: un bel flop. E pensare che di cose da dire e da fare, ce ne sono e ce ne sarebbero davvero tante. Evidentemente, tranne qualche eccezione, dei lavoratori, dei precari, degli "esternalizzati", di chi un lavoro non lo ha, delle tante vertenze e lotte in atto su tutto il territorio, di lavoro nero, di caporalato, di sfruttamento, di tanto altro a qualcuno non interessa molto.

In fondo sono "abituati" a sfruttare i problemi delle persone, come materiale da campagna elettorale, a creare il "consenso" mettendo ultimi contro penultimi, poveri contro poveri, sulla pelle dei migranti e richiedenti asilo, sui timori e sulle paure della gente. Una fase che noi auspichiamo (anche se i timori restano perché queste forze politiche, non solo in Italia ma anche in Europa, sono in grande spolvero) sia solo passeggera e molto breve! Ritorniamo a parlare di cose serie, di diritti, di opportunità, a guardare con la giusta prospettiva le priorità. 

Prima gli sfruttati, prima tutti quelli che non si arrendono e lottano con grande dignità per arrivare alla fine di ogni mese. Ascoltiamo cosa hanno da dire queste persone. Parliamo di un mondo del lavoro e di una economia sostenibile che guarda alle reali necessità della popolazione. Parliamo di "motori" della nostra economia, di agricoltura, di cultura, arte, storia. Parliamo di una industria che "cambia" con le nuove tecnologie: lavorare meno, lavorare tutti! I soliti tavoli, con sempre le solite facce, le solite polemiche e i soliti assenti, faranno purtroppo sempre la solita fine. Rimbocchiamoci le maniche".

Potere al Popolo Cesena
 

Torna su
CesenaToday è in caricamento