Cesenatico, Papperini: "Il 'pacco' regalo di Natale si chiama Iscop"

"Il “pacco” regalo di Natale è arrivato e si chiama Iscop - tuona Papperini -. Si tratta di una tassa da 800 mila euro annui per 10 anni applicata a tutti coloro che pagano l’Imu introdotta dal Sindaco Buda per pagare il raddoppio delle spese per la realizzazione del nuovo polo scolastico di Villamarina"

Eliminare la tassa di scopo Iscop e abbassare l’Imu per le attività produttive di categoria C del 20%. E' quanto propone il Movimento 5 Stelle di Cesenatico. "Durante la discussione per la presentazione del bilancio 2014 - esordisce il consigliere comunale Alberto Papperini - l’Amministrazione ha votato contro alla nostra proposta, ma non demorderemo e riproporremo un taglio drastico delle tasse comunale per la presentazione del bilancio 2015".

"Il “pacco” regalo di Natale è arrivato e si chiama Iscop - tuona Papperini -. Si tratta di una tassa da 800 mila euro annui per 10 anni applicata a tutti coloro che pagano l’Imu introdotta dal Sindaco Buda per pagare il raddoppio delle spese per la realizzazione del nuovo polo scolastico di Villamarina, stimate in 20 milioni di euro (12 milioni per la realizzazione più gli oneri del finanziamento in leasing). Altro che parcheggi gratis in centro storico accuratamente “infiocchettati”".

"In questi ultimi giorni di dibattito sulla stampa, abbiamo notato che la decisione di applicare la sosta gratuita nel centro ha assunto un carattere fortemente propagandistico, strumentalizzando i commercianti del centro storico - prosegue Papperini -. La sosta gratuita è stata presentata come un regalo alle attività, le stesse alle quali è stata precedentemente aumentata l’aliquota comunale IMU e applicata la nuova tassa Iscop per pagare il raddoppio delle spese per la realizzazione del nuovo polo scolastico di Villamarina. Tale iniziativa è stata accuratamente “infiocchettata” al solo scopo di far dimenticare la reale batosta arrivata nel mese di Dicembre, per le attività commerciali e non solo, chiamata Imu e Iscop".

"La nostra proposta - prosegue l'esponente pentastellato - è meno appariscente ma più incisiva e cerca di dare una reale risposta alle attività produttive e commerciali di Cesenatico: eliminare la tassa di scopo Iscop, tagliando le spese di manutenzione straordinaria della Cesenatico servizi e rivedendo i contratti di servizio in scadenza. Inoltre abbassare l’IMU per le attività produttive di categoria C del 20% (negozi, attività commerciali, botteghe), riallineando i super stipendi di alcuni dipendenti della Cesenatico servizi con quelli dei loro pari livello comunali. Queste proposte hanno la copertura finanziaria e sono state approvare dal ragioniere capo R.Spadarelli, ma ci vuole la volontà politica per metterle in pratica. Durante la discussione per la presentazione del bilancio 2014 l’Amministrazione ha votato contro alla nostra proposta, ma non demorderemo e riproporremo un taglio drastico delle tasse comunale per la presentazione del bilancio 2015".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento