Sviluppo, il Pri: "Più coinvolgimento degli attori economici del territorio"

"Vorrei  portare un contributo costruttivo nel dialogo fra le forze politiche della città al fine di focalizzare l’attenzione sulle problematiche che oggi attanagliano il commercio e l’artigianato nel territorio cesenate"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Vorrei  portare un contributo costruttivo nel dialogo fra le forze politiche della città al fine di focalizzare l’attenzione sulle problematiche che oggi attanagliano il commercio e l’artigianato nel territorio cesenate. Partiamo dallo stato dell’economia italiana, quello che tutti conosciamo: il tentativo di uscire dalla spirale negativa lo si deve innanzitutto a tutte quelle imprese  che, nonostante il calo delle vendite e la difficoltà di accesso al credito, hanno creduto nel sistema Paese rimboccandosi le maniche, innovando, facendo rete e sistema nel territorio. Ma oggi più che mai è necessario che la politica dia un concreto sostegno al mercato ovvero a imprese e consumatori, e deve avere la capacità di rapportarsi direttamente con i portavoce del mondo economico (rappresentanze di categoria, associazioni di consumatori, ecc). Penso ad esempio ad iniziative innovative per l’accesso al credito, all’innovazione, alla semplificazione e all’“alleggerimento” degli aspetti burocratico-normativi.

Ma tutelare le imprese significa, di conseguenza, sostenere anche il lavoro, vero volano per la crescita e per lo sviluppo economico. Credo sia utile, anzi indispensabile che la politica tutta (leggasi maggioranza e opposizione) ricerchi una sintesi che si concretizzi in iniziative e programmi volti al dialogo fra i succitati soggetti (senza dimenticare le istituzioni), per lavorare in sinergia e per dare la meritata attenzione alle richieste delle imprese.

E’ necessario, infine, guardare in prospettiva, cioè con una visione di lungo termine. Insomma, un nuovo e moderno assetto del territorio è necessario al fine di promuovere l’insediamento di nuove imprese e sviluppare il lavoro.  Un tavolo permanente di confronto, ad esempio, in cui siedano esponenti del commercio e delle imprese, penso sia quanto mai utile per giungere a modelli condivisi e socialmente compatibili.


Oggi stiamo attraversando una fase importante: per migliorare il sistema economico del nostro territorio, si inizi coinvolgendo tutti gli attori economici cesenati, a cominciare dai commercianti, raccogliendone idee e competenze, per poi gestirle in modo democratico e, auspicalmente, fruttuoso. Le loro conoscenze e competenze sono tante, e sono essenziali al compito che si dovrebbe prefiggere la politica: migliorare la qualità del tessuto sociale, progettare una città moderna e rispondere alle istanze dei cittadini. 

Luca Ceccarelli 
Coordinatore Commissione per le  politiche del Commercio Unione Comunale PRI Cesena

 

Torna su
CesenaToday è in caricamento