Politica

Start Romagna, la Lega: "Maretta tra i dipendenti cesenati, l'azienda chiarisca"

I consiglieri leghisti: "Non a caso è stato indetto uno sciopero il 13 dicembre prossimo per l’area di Cesena e di Forlì"

"Abbiamo letto nei giorni scorsi che c’è maretta fra i dipendenti cesenati di Start Romagna. E non a caso è stato indetto uno sciopero il 13 dicembre prossimo per l’area di Cesena e di Forlì. Carenza di personale, turni pesanti, un ricorrente ricorso a ore straordinarie di lavoro, sicurezza, solo per citare i tanti deficit segnalati, tra cui anche la denuncia di un diverso trattamento economico rispetto ai colleghi degli altri bacini di Rimini e Ravenna". Lo scrivono in una nota i consiglieri del gruppo della Lega in Consiglio comunale.

"Un quadro molto meno sereno di quello emerso in una recente seduta della prima Commissione consigliare, dove si è trattato di modifiche statutarie di Start Romagna e dello spostamento della sede legale da Cesena a Rimini. Spostamento sul quale noi della Lega abbiamo avanzato perplessità, soprattutto sul fronte delle spese, che Giunta e consiglieri di maggioranza hanno rigettato con non poca supponenza. Ma che forse non erano così infondate se anche i sindacati di categoria hanno criticato lo spostamento sia per i costi ‘non irrisori’, sia perché questa scelta non è stata spiegata e c’è il timore che dipenda da un peso specifico minore della provincia di Forlì-Cesena rispetto alle altre. Anche in Comune, dunque, sembra si vogliano sottostimare certi problemi che invece andrebbero vagliati con grande attenzione. Siamo quindi intenzionati a chiedere l’indizione di una udienza conoscitiva invitando i vertici di Start a chiarire la situazione, soprattutto per quanto riguarda la situazione del personale”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Start Romagna, la Lega: "Maretta tra i dipendenti cesenati, l'azienda chiarisca"

CesenaToday è in caricamento