Allattamento, Montalti (Pd) deposita risoluzione per favorire le "stanze delle coccole"

È questo che chiede il Pd con una risoluzione depositata dal consigliere regionale cesenate Lia Montalti.

"Un provvedimento per agevolare la creazione di aree confortevoli e protette dove allattare e accudire i bimbi nei luoghi pubblici. E nel caso in cui non ci siano spazi dedicati, come le stanze delle coccole, va garantita sempre alle mamme la possibilità di allattare negli spazi pubblici, con la massima libertà”. È questo che chiede il Pd con una risoluzione depositata dal consigliere regionale cesenate Lia Montalti. 

“Chiedo inoltre alla Giunta dell’Emilia-Romagna di favorire, in sede di Conferenza Stato-Regioni, l’implementazione di campagne nazionali a sostegno dell’allattamento al seno quale gesto naturale e fondamentale per la salute e la corretta alimentazione dei neonati - prosegue l'esponente democratica -. Purtroppo apprendiamo troppo spesso di mamme alle quali viene impedito di allattare in pubblico. Negli ultimi mesi due casi sono stati registrati nelle cronache di Bologna: in un museo e in una biblioteca il divieto di introdurre alimenti e bevande è stato interpretato come impedimento per due mamme di allattare i propri figli”.

“L’allattamento materno è considerato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da tutto il mondo sanitario come il miglior metodo di alimentazione dei neonati, raccomandato in assoluto, sia per il legame relazionale ed emotivo che permette di instaurare fra mamma e bambino, sia per i benefici in termini di sviluppo fisico e cognitivo del neonato - argomenta Montalti -. È evidente quindi che alle madri va garantito di potersi prendere spazi e tempi per farlo in tranquillità e serenità, anche quando sono fuori casa con i loro bimbi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento