Sos commercio, Rossi (San Mauro Di Nuovo): "Puntare sull'identità del territorio"

“È difficile far ripartire San Mauro senza un’identità chiara che ci distingua, ci renda speciali e unisca offerta commerciale e racconto stesso del nostro territorio"

Serrande abbassate, vetrine vuote, bar storici che si apprestano a passare di mano. Il commercio al dettaglio non se la passa bene a San Mauro Pascoli. "Ma per questa categoria economica, così come per i pubblici esercizi, un Comune può far tanto: anzi, spesso le politiche comunali possono decretare lo sviluppo o la fine per un'attività - commenta Nicola Rossi, candidato sindaco della lista civica San Mauro Di Nuovo - E le politiche portate avanti da questa amministrazione hanno condotto allo stato attuale, dove il rischio di una ulteriore chiusura massiccia di negozi è purtroppo concreto".

Un rischio che la lista civica San Mauro Di Nuovo vuole scongiurare. "Quando si spegne una vetrina - prosegue il candidato - non è solo una singola attività che chiude, ma è una perdita per tutta la comunità. Nelle zone dove aumentano i locali sfitti aumenta il degrado e senza il prezioso presidio territoriale che in un qualche modo danno i negozi, anche la sicurezza ne risente. Per non parlare dell'appeal generale della zona. Cosa fare? Da una parte è necessario avere un calendario eventi di ampio respiro e impatto, dall'altra insistere sulla bellezza e poi ragionare su un sistema incentivante per chi investe a San Mauro".

“È difficile far ripartire San Mauro - prosegue Rossi - se non c'è una comprensione chiara di un’identità che ci distingua, ci renda speciali e unisca offerta commerciale e racconto stesso del nostro territorio- prosegue Nicola Rossi – Ci serve questa strategia, affinché San Mauro possa caratterizzarsi, distinguendosi dai territori limitrofi.  Quando si vede un bar storico, con vent'anni di storia alle spalle, gettare la spugna e annunciare la cessione dell'attività è una cosa che dovrebbe colpire qualsiasi amministratore pubblico. Parlando con i negozianti emergono difficoltà, molti faticano a raggiungere un punto di pareggio per le loro imprese, e si sentono trascurati”.

“Il Comune di Gatteo ha avviato un progetto molto interessante, con contributi per le aziende che assumono cittadini residenti nel Comune: perché una misura del genere non è stata presa in considerazione anche a San Mauro? Credo possa essere utile e un messaggio importante per le imprese e i lavoratori. In passato, poi, è stata data una premialità a chi apriva o ristrutturava un'attività nel nostro comune, un’azione positiva che può essere riproposta”. 

Ma, lo ripeto, i contributi senza un progetto organico non servono: i proprietari dei locali sfitti stanno chiedendo con insistenza il cambio di destinazione d'uso da commerciale a residenziale. È la sirena di un allarme non più trascurabile - conclude Rossi - Il Comune, però, sembra non vedere questo elefante nella stanza".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento