Sessione europea 2018, Montalti: "L’Europa deve avere lo sguardo dei propri cittadini"

A dirlo è il consigliere regionale Lia Montalti, che torna nuovamente sul tema dopo aver presentato, l’8 maggio, la nuova normativa regionale sulla partecipazione dell’Emilia-Romagna alle politiche europee.

"La Sessione europea, giunta al decimo anno, è l’occasione annuale per riflettere sulla partecipazione dell’Emilia Romagna alla formazione e all’attuazione del diritto dell’Unione europea. Un momento importante per fare il punto e per mettere sotto la lente d’ingrandimento le relazioni tra le politiche regionali e quelle europee. Oltre che per capire come la nostra Regione può rendersi attiva nell’elaborazione e nello sviluppo di tali politiche. L’Europa deve avere lo sguardo dei propri cittadini". A dirlo è il consigliere regionale Lia Montalti, che torna nuovamente sul tema dopo aver presentato, l’8 maggio, la nuova normativa regionale sulla partecipazione dell’Emilia-Romagna alle politiche europee.

Due sono i temi su cui la consigliera ha posto l’accento: «da un lato il ruolo positivo che le Regioni possono avere nella riforma del progetto europeo, per avvicinare l’Europa ai territori e ai cittadini. Dall’altro l’importanza dell’educazione alla cittadinanza europea, perché nell’esercizio di una cittadinanza matura e consapevole risiede l’unico modo per poter costruire un percorso democratico e vicino ai bisogni delle persone ma anche alle loro aspirazioni e ai loro progetti". Il messaggio che Montalti ha voluto sottolineare, anche alla presenza di Barbara Duden, Presidente della commissione Civex del Comitato europeo delle Regioni, è stato quello di costruire, anche attraverso un maggior protagonismo delle autonomie, un’Europa più vicina ai cittadini.

"La nostra Regione ad esempio, sta portando avanti a Bruxelles una battaglia per difendere e rilanciare i finanziamenti alla Pac e alla politica di coesione. Fondamentale è infatti il coinvolgimento delle regioni e dei territori sia in fase di programmazione che di attuazione delle politiche europee. Un concetto che non solo Bruxelles deve comprendere, ma sul quale vanno coinvolti anche i cittadini, in quanto l’euroscetticismo si può combattere solo riempiendo l’Europa di contenuti concreti, opportunità ed esperienze dei territori. Di fronte a nuovi sovranismi, dobbiamo ricostruire l’Europa partendo dai territori e puntando sempre di più sulla cittadinanza consapevole e su una maggiore democrazia delle istituzioni europee".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento