Savignano, M5S: "Bocciata la nostra mozione sulla ludopatia"

"Tanta confusione e molta approssimazione con i consiglieri di maggioranza poco informati e sempre timorosi di approvare le proposte delle minoranze"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

In un consiglio comunale infuocato finito a tarda notte, abbiamo dato battaglia, dapprima assieme agli altri gruppi di opposizione sollevando la questione di illegittimità di una delibera di bilancio, in quanto nella maggioranza, causa l'assenza di due consiglieri, mancava secondo i pentastellati, la maggioranza qualificata. Nonostante le rassicurazioni del segretario comunale, al momento del voto i gruppi di opposizione hanno deciso di uscire dall'aula. L'atto più importante discusso nel consiglio di ieri sera, per il Movimento 5 stelle, è stata una mozione avente come oggetto: azioni per combattere il fenomeno dell'azzardopatia. Il dibattito è stato molto acceso anche perchè avevamo fatto una proposta di emendamento e di massima condivisione, togliendo dalla mozione il nostro simbolo. Purtroppo la maggioranza ha respinto il documento portando tutta una serie di osservazioni che andavano a rendere praticamente inefficace l'atto stesso. Le motivazioni sono state molto contraddittorie prima infatti ci hanno detto che il tema era da trattare nell'Unione dei Comuni, ma al momento non c'era una linea comune, per poi arrivare dopo una breve pausa, a dichiarare che c'era l'accoglimento e la condivisione di altri comuni limitrofi, per cui si preferiva votare contro, perchè in Unione si sarebbe già pronti per partire con una serie di provvedimenti in accordo tra i comuni.

Insomma tanta confusione e molta approssimazione con i consiglieri di maggioranza poco informati e sempre timorosi di approvare le proposte delle minoranze. Non sapevano nemmeno che la legge regionale che disciplina questa materia è già stata approvata e che altri comuni come Cesenatico e Cesena hanno già approvato un'analoga mozione che disciplina gli orari e individua delle premialità per chi decide di dismettere le slotmachine.
Addirittura a Cesena la mozione è stata presentata dallo stesso PD. Noi comunque non molliamo, e a breve organizzeremo una serata pubblica con esperti del problema per informare i cittadini. A tal proposito invitiamo i cittadini ad intervenire e a partecipare, anche attivandosi per richiedere i dati sul gioco d'azzardo nel nostro comune. Abbiamo scoperto infatti che nemmeno il Sindaco li conosce e per questo motivo gli abbiamo fornito il modello di accesso agli atti da inviare ai Monopoli di Stato. Il problema è enorme ma è giusto che si sappia anche il dato numerico, cioè a quanto ammonta il volume di denaro giocato in provincia e nei comuni del Rubicone.
Riteniamo che su un tema così urgente per la nostra comunità i buoni propositi e le pie intenzioni espresse dal PD non sono più sufficienti. È ora di agire, la nostra mozione era l'occasione giusta. La maggioranza ha invece deciso di attendere ancora. La maggioranza, arrampicandosi sugli specchi, ha deciso di attendere ancora.
L'ennesima occasione persa, a causa di una maggioranza impreparata ed approssimativa, per una battaglia che non ha e non deve avere simboli, ma deve essere di tutti.

Torna su
CesenaToday è in caricamento