Savignano, il sindaco: "Riportare a casa la Polizia Locale? Solo 12 agenti e più costi per il Comune"

Giovannini difende la gestione associata in Unione: "Ci sarebbero meno ore di pattugliamento, un danno per la sicurezza dei savignanesi"

"Niente più pattuglie notturne e solo due agenti in giro di giorno, senza contare la perdita delle varie specializzazioni e l'impossibilità di accedere ai finanziamenti regionali". Il sindaco di Savignano dice convintamente 'no' all'idea di  “riportare la Polizia locale a Savignano” .
"Ossia ritornare a un organico di soli dodici agenti - prosegue Giovannini - su un territorio di oltre 23 kmq, non mi sembra propriamente vantaggioso per la sicurezza dei savignanesi. A meno che non si voglia ragionare a slogan invece che sui fatti".

Il sindaco di Savignano sciorina un po' di numeri: "Ora, con la Polizia locale in gestione associata con Gatteo, Sogliano, Borghi e Roncofreddo - gli agenti sono 26, con 4 stagionali aggiuntivi per l’estate arrivano a 30. Ritirando il conferimento del servizio in Unione le unità sarebbero solo dodici, di cui almeno cinque (incluso comandante e un ispettore) necessariamente in ufficio per le attività di sportello, il centralino, gli atti e i verbali, le notifiche. Rimarrebbero così solo sette agenti a coprire i pattugliamenti dell'intera giornata, a cui vanno ovviamente sottratte assenze per ferie, malattia, permessi. Un agente il martedì è da dedicare al mercato e negli altri giorni va destinato alle attività di informazione anagrafica".

"Cosa significherebbe questo? - prosegue Giovannini - Mai più pattuglie serali né festive, è così che si potenzia la sicurezza? E invece nel 2018, con la polizia locale in Unione, i servizi serali sono stati 413, quaranta dei quali fino alle 3 del mattino. In estate ogni sera è presidiata".

"Con dodici agenti non sarebbe possibile articolare il comando in unità operative - continua ancora il sindaco - specializzate (infortunistica, stradale, edilizia e commercio, antiabusivismo e antidegrado). Di conseguenza, non potremmo più partecipare alle attività coordinate di controllo del territorio, con la Polizia di Stato, o alle azioni interforze come "Piazze di spaccio" o "Scuole sicure" .

Giovannini conclude con una riflessione: "Le politiche regionali vanno verso l’aggregazione e la qualificazione dei corpi di Polizia locale premiando con i finanziamenti solo i Comandi gestiti in forma associata. Rinunceremo così a una 'fetta di torta' che nel solo 2019 vale oltre 300mila euro. Come potremmo far fronte a spese di ammodernamento, innovazione tecnologica e formazione? Saremmo necessariamente obbligati a togliere risorse ad altri servizi, senza contare le ulteriori spese per allestire una nuova sede, rientrare in possesso di tutte la attrezzature, ripristinare un adeguato parco mezzi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • Nella disco scoppia la rissa, il locale stoppa la serata: "Coinvolte anche due ragazze"

  • Divora con tranquillità 385 cappelletti e batte il record: "Il segreto? Un giro in bici"

  • Migliora la situazione maltempo, a Cesenatico rotte due dune per contenere la furia del mare

Torna su
CesenaToday è in caricamento