Savignano, il M5S espone le sue posizioni all'ultimo consiglio comunale

Si è svolto il 10 dicembre l’ultimo consiglio comunale di Savignano sul Rubicone per l’anno 2014 e il m5s come sempre ha posto l’accento su questioni importanti. La mozione sulla stazione ferroviaria, che abbiamo presentato , è stata approvata, ma con alcune osservazioni da parte della Giunta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Si è svolto il 10 dicembre l’ultimo consiglio comunale di Savignano sul Rubicone per l’anno 2014 e il m5s come sempre ha posto l’accento su questioni importanti. La mozione sulla stazione ferroviaria, che abbiamo presentato , è stata approvata, ma con alcune osservazioni da parte della Giunta, che verificherà la possibilità di come affidare l’apertura, il controllo e la pulizia del bagno pubblico, purtroppo attualmente chiuso. Ed inoltre la Giunta si è impegnata di avviare un tavolo di lavoro con RFI, per potenziare le fermate nelle ore maggiormente scoperte della giornata. E’ una grande vittoria per noi e per i Savignanesi, la stazione deve essere sfruttata e non abbandonata. Alla mozione sulla ludopatia invece, chiedevamo interventi per combattere il fenomeno dilagante del gioco d’azzardo patologico. Sostanzialmente abbiamo chiesto di promuovere e sostenere campagne informative e di prevenzione, coinvolgendo associazioni, parrocchie, scuole, compresi i  gestori dei locali. Aderire al Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco e al tempo stesso adottare le premialità previste dalla l.r. n. 5 /2013. Alla nostra mozione ha fatto seguito un emendamento della maggioranza che , pur riconoscendo al M5S il merito di aver portato in consiglio questa mozione, ha voluto inserire alcune azioni già a progetto, previste dal Comitato di Distretto Rubicone Mare. Queste azioni andrebbero a sostituire quelle proposte dal manifesto dei sindaci e dalla l.r. m.5/2013, giudicate, con voto unanime dei sindaci del distretto, troppo generiche. Per noi era talmente importante arrivare ad un impegno condiviso su questa problematica, che abbiamo ritenuto di votare a favore dell’emendamento e successivamente alla nostra mozione. Confidiamo però di conoscere nel dettaglio il piano previsto dal comitato di distretto e di sapere anche come verranno spesi i 10000 euro stanziati. Ricordiamo infine che, essendo noi minoranza, non facciamo parte del comitato di distretto.

Per quanto riguarda l’approvazione del PRU5, ribadiamo con forza che a Savignano non servono nuove case; sono presenti diverse centinaia di appartamenti sfitti; abbiamo sotto gli occhi lo scempio del comparto di Castelevecchio, di Valle Ferrovia e di altri comparti che, seppur terminati, sono attualmente disabitati. Occorre secondo sanare queste situazioni, prima di autorizzare nuove aree edificabili e al massimo riqualificare l’esistente. L’approvazione, sarebbe un salto nel buio che consegnerebbe ai cittadini un nuovo quartiere fantasma, anche se si trova a pochi passi dal centro . Vi chiediamo quindi di applicare quello che avete scritto anche nelle vostre linee programmatiche e cioè di fermare l’approvazione di questo piano e di ridiscuterlo con i cittadini del quartiere, in un’ottica di partecipazione e di salvaguardia del territorio.

Inoltre in questo consiglio comunale abbiamo espresso i nostri voti contrari alla concessione crediti al seven sporting center , per le coperture delle esigenze finanziarie di questa partecipata. Secondo noi non è proprio come l`Amministrazione vuole far credere, cioè un’opportunità per far risparmiare interessi passivi e commissioni bancarie, ma sono 350 mila euro spesi al posto di altri interventi più utili e urgenti per i savignanesi. Senza garanzia di restituzione o previsione di rientro abbiamo votato quindi NO a questa concessione. Mentre, per quanto riguarda la gestione delle azioni di Hera, noi le venderemmo anche tutte e subito, senza esitazione, perché non è un’azienda che mira veramente a rifiuti zero (che è la nostra filosofia di gestione dei rifiuti), ma solo a incenerire tutto lo scibile, qualsiasi sia la provenienza dei rifiuti. E proprio grazie allo "sblocca Italia" tra l`altro potremmo avere un inceneritore anche a casa nostra se il Governo lo volesse. Ma noi ci opporremmo strenuamente perchè non si fanno patti sulla salute dei cittadini. Quindi Hera e Governo, avvisati.

E proprio in materia di salute dei cittadini, all’inizio del consiglio comunale il Sindaco ha fatto il punto della situazione sul Santa Colomba. Ha ammesso che nella prima settimana si sono evidenziate diverse criticità che sarebbero però in parte state risolte. Ha fatto presente, cosa che all’inizio non era stata comunicata, che partirà ora una lunga fase di transizione, in cui anche la giunta si impegnerà a monitorare il servizio erogato. Anche noi del M5S faremo la nostra parte, come del resto abbiamo fatto in questa settimana con diverse segnalazioni; nei prossimi giorni allestiremo anche banchetti di fronte al Santa Colomba. Peccato però che il sindaco abbia perso l’occasione per smentire in consiglio quello che aveva annunciato il 29 ottobre , e cioè di un servizio efficiente e addirittura potenziato rispetto a prima. La realtà dei fatti non gli ha dato ragione.

Ricordiamo che il 18 dicembre abbiamo organizzato in Sala Allende una serata dedicata alla sanità, con la proiezione del film documentario: Mani sulla Sanità. Sarà l’occasione per riflettere sulla gestione della sanità, nella nostra regione, negli ultimi anni.

M5S Savignano

Torna su
CesenaToday è in caricamento