Savignano, gli appuntamenti istituzionali del M5S prima della pausa estiva

Giovedì alle 20 ci sarà il consueto Consiglio comunale di cadenza mensile, nel corso del quale saranno discussi anche gli atti che si sono accumulati nell’arco degli ultimi mesi

Ultimi due appuntamenti istituzionali per il Movimento 5 Stelle di Savignano prima della pausa estiva di agosto. Giovedì alle 20 ci sarà il consueto Consiglio comunale di cadenza mensile, nel corso del quale saranno discussi anche gli atti che si sono accumulati nell’arco degli ultimi mesi. Gli esponenti pentastellati Mauro Frisoni e Christian Campedelli chiederanno delucidazioni su "Imu dei terreni fabbricabili, problematiche sulle nostre acque di balneazione, applicazione delle nuove norme di divieto a sale slot e sale scommesse, sui lavori di adeguamento al sottopasso ferroviario tra via Saffi e via della Repubblica e sui servizi sanitari dell’ospedale Santa Colomba. Tratteremo anche un tema di carattere nazionale, proposto da Coldiretti al nostro Comune, ma purtroppo ricevuto e presentato solo dal M5S, cioè la richiesta al Governo e al Parlamento di non votare a favore del Ceta, l’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Canada, che andrà a distruggere le piccole e medie imprese Italiane a favore delle grandi multinazionali".

Il secondo appuntamento è invece per tutti i Cittadini dell’area Rubicone, ed è il Consiglio dell’unione dei Comuni Rubicone e Mare, di cui fanno parte ben 9 Comuni della zona. Si terrà sabato mattina dalle ore 9.30 nel Comune di Gambettola. "Chiederemo a tutta l’unione di prendere una posizione ben chiara su 2 temi di grande attualità, uno locale e l’altro di carattere nazionale", annunciano i pentastellati.  Il M5S presenta 2 mozioni: la prima, viene illustrato, "chiede di revocare la nuova area denominata Apea (Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata) prevista all’interno del comune di Gatteo con i nuovi strumenti di Psc e Rue, che andrà a modificare una realtà di 25 ettari di terreno agricolo (circa 40 campi di calcio) in una nuova zona industriale".

"La seconda - aggiungono - affronta un tema molto caldo e di interesse sociale, il decreto di obbligo vaccinale (appena approvato al Senato e attualmente in dirittura d’arrivo alla Camera) 73/2017, denominato “Lorenzin”. E chiediamo all’Unione, una precisa presa di posizione contro questa legge, che per noi è un atto coercitivo che va a violare i più basilari concetti di libertà individuale sanciti dalla nostra Costituzione. Insomma è chiaro che c’è tanta carne al fuoco nella Politica casalinga, in questa ultima torrida settimana di luglio, e senza la partecipazione dei Cittadini a questi eventi di pubblica utilità, la strada da noi percorsa rimane senza una meta ben precisa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Scampagnata al Fumaiolo: "La libertà ha un prezzo più alto delle multe, continueremo ad incontrarci"

  • Tante classi in quarantena ed un morto, l'evoluzione del virus nel Cesenate

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento