rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Rocca Malatestiana

Rocca Malatestiana, Fratelli d’Italia: "Politiche comunali fallimentari. La valorizzazione rimane solo sulla carta"

Luca Lucarelli, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia, interviene sulla gestione della Rocca Malatestiana

“Amministrazione ancora una volta in ritardo e la valorizzazione del patrimonio culturale cesenate rimane solo sulla carta, con inevitabili contraccolpi negativi per la fruizione dei monumenti e l’immagine di Cesena”. Luca Lucarelli, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia, interviene sulla gestione della Rocca Malatestiana. “Il sindaco Lattuca, l’assessore Verona e gli altri componenti della giunta brancolano nel buio, ormai è chiaro - argomenta l’esponente di FdI - ed è evidente che non c’è un serio progetto per uno dei simboli della città, un luogo caro si cesenati e che affascina i turisti. Gli amministratori credevano che il peggio fosse passato con l’aggiudicazione, oramai 3 anni fa, del bando di gestione della Rocca da parte di una società  leccese, alla quale poi il comune ritirò la concessione per inadempienza. Poi l’affidamento alla Jazz life per un anno. "Ora l’amministrazione emana nuovo bando per la ricerca di un operatore economico che possa gestire tutto il compendio della Rocca dal 1 novembre 2022 al 30 settembre 2023. Parliamo di 11 mesi, con un servizio che dovrebbe iniziare tra due settimane: ma quale seria programmazione è possibile in questi tempi?”, si chiede Lucarelli.

Per Fratelli d’Italia "anche questo è un esempio delle fallimentari politiche culturali della giunta guidata dal Pd. L’assessore Verona sostiene che la Rocca è una protagonista assoluta della vita cittadina, ma sembra proprio il contrario. Sembra che la Rocca di Cesena sia l’eterna incompiuta: non dal punto di vista strutturale ed architettonico ma dal punto di vista gestionale. Il Comune evidentemente non ha le idee chiare sul futuro di questo monumento: in questo bando pubblicato in fretta e furia al gestore che dovrà pensare ad organizzare spettacoli, eventi , ristorazione e visite guidate andranno 20.000 euro di contributo comunale. Ma secondo noi trovare realtà che possano investire in modo organico sulla Rocca di Cesena, sia dal punto di vista economico che di risorse umane, a queste condizioni e con un orizzonte di meno di un anno, sarà difficile".

"A nostro parere il sindaco sta ancora perdendo tempo e lascia che un patrimonio storico, culturale e dall’alta valenza sociale non venga valorizzato adeguatamente - conclude Lucarelli -. Si parla spesso di progetti integrati, di creare reti, di promuovere il territorio in maniera organica: ma a queste condizioni come si fa a integrare la Rocca di Cesena con altri progetti ed iniziative di carattere locale? Cesena ha bisogno di una Rocca forte e con un progetto gestionale attrattivo e che coinvolga non solo la città, ma che sia un forte richiamo turistico. Però l’attuale amministrazione anche su questo segna il passo ed è in ritardo, inanellando un fallimento dietro l’altro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rocca Malatestiana, Fratelli d’Italia: "Politiche comunali fallimentari. La valorizzazione rimane solo sulla carta"

CesenaToday è in caricamento