Politica

Ripartizione dei contributi per il trasporto pubblico, Baccini contro il metodo chilometrico

"E’ un problema che ho sollevato sin dal 2017 e da ultimo anche a febbraio scorso, quando poi l’emergenza  Covid ha fatto passare in secondo piano tante cose"

In vista dell’Assemblea di AMR, Agenzia della Mobilità Romagnola, il Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini si è rivolto ai Sindaci della Provincia di Forlì-Cesena per affrontare la revisione del metodo di riparto dei contributi che i Comuni devono sostenere per il funzionamento del Trasporto Pubblico.

"E’ un problema che ho sollevato sin dal 2017 e da ultimo anche a febbraio scorso, quando poi l’emergenza  Covid ha fatto passare in secondo piano tante cose. Oggi, nonostante ci troviamo ad affrontare un secondo periodo di crisi, non è più possibile rinviare il tema, che per i Comuni di dimensioni più piccole rappresenta un vero e proprio problema di sostenibilità. Il vero problema – evidenzia Baccini – è quello del metodo di riparto dei costi che è fondato esclusivamente su base chilometrica, ciò che genera una evidente e logica disparità di ripartizione in pregiudizio di quei comuni “periferici” che, per le caratteristiche morfologiche e demografiche del territorio provinciale, sono lontani dai maggiori centri urbani e si trovano a gestire piccole comunità a fronte di territori comunali di vaste dimensioni. Se si aggiunge inoltre che in questi territori periferici anche i servizi di pubblico trasporto sono naturalmente inferiori rispetto a quelli dei centri di maggior aggregazione, ne deriva che un metodo di ripartizione fondato solo su base chilometrica è tecnicamente errato e politicamente ingiusto".

"Quello che il Sindaco di Bagno di Romagna propone è la revisione del metodo con ingresso di un  criterio misto, fondato in parte su base chilometrica ed in parte su base demografica (numero cittadini), sul quale ripropongo la necessità di una riflessione e di una condivisione positiva. E’ un tema che necessita di una nuova concertazione politica sui servizi del territorio e delle comunità amministrate in un’ottica di solidarietà e perequazione, quali migliori garanzie di uguaglianza e giustizia sociale per tutti i cittadini del territorio provinciale. Con il metodo attuale – evidenzia Marco Baccini –non possiamo certo negare che si generino delle disparità di trattamento nella fruizione dei medesimi servizi pubblici primari, con comunità che sopportano costi maggiori a dispetto di servizi minori.  La richiesta finale del Sindaco è rivolta al Presidente della Provincia affinchè convochi un confronto in video conferenza per trattare l’argomento, al fine di affrontarlo prima del prossimo bilancio di previsione di AMR. Senza alcuna provocazione – chiude Baccini nella sua lettera – Vi devo anticipare che se non si troverà per tempo una soluzione ragionevole, il Comune di Bagno di Romagna non potrà sostenere i costi del TPL così come determinati dal metodo kilometrico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripartizione dei contributi per il trasporto pubblico, Baccini contro il metodo chilometrico

CesenaToday è in caricamento