rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica

Rendiconto Bilancio 2014, Casali (FI): "Aumentano tasse e spesa per il personale"

E' quanto afferma il consigliere comunale Marco Casali (Forza Italia - Per Libera Cesena), evidenziando come "questo è un tema che sarà sempre più importante nel futuro"

"Il rendiconto presentato in questi giorni in Commissione Consigliare lascia molti dubbi sul modo con cui questo sindaco e la sua Giunta interpretino la politica fiscale locale". E' quanto afferma il consigliere comunale Marco Casali (Forza Italia - Per Libera Cesena), evidenziando come "questo è un tema che sarà sempre più importante nel futuro anche in riferimento alle modifiche in corso relative ai così detti trasferimenti dello Stato e altri enti".

"Di certo anche quest’anno il motivetto è lo stesso: il Comune tassa e poi l’anno dopo si accorge che è in gran salute tale da registrare un avanzo milionario (quest’anno di oltre 7 milioni di euro e nel 2013 era di oltre 4 milioni). Non pare questo un modo sano di amministrare; sarà forse sano per le casse del Comune ma non per le tasche dei cittadini purtroppo sempre più vuote - continua l'esponente dell'opposizione -. Nel rendiconto si legge infatti di un aumento considerevole delle imposte; gli indicatori forniti dallo stesso comune ci dicono che la pressione tributaria per abitante nel 2014 è salita del 18% rispetto al 2013, che la sola addizionale Irpef (decisa dal Comune) è salita del 17%".

"Aumentano le tasse e non diminuiscono le spese e così ci accorgiamo che quelle per il personale salgono del 2% sulla spesa e rimangono comunque invariate sulle entrate; altro che cura dimagrante - aggiunge -.E’ questo  il nodo politico sul quale questa amministrazione continua a non centrare il bersaglio, abbagliata dalla logica del comune massimo, pervasivo ed invasivo che deve gestire tutto (magari facendosi aiutare anche da Hera). Comune che diventa costoso e ossessivo, oppressivo nelle richieste tributarie.

"L’attualità invece richiederebbe l’inverso - continua Casali e cioè una riduzione del perimetro di azione dell’amministrazione; una digitalizzazione amministrativa per sburocratizzare la macchina; ena esternalizzazione di tutto ciò che non ha senso faccia il pubblico affindandolo al privato che forse lo può fare meglio e a minor costo. Nessuno di questi temi pare di interesse, non perché non li si comprenda ma perché la relativa adozione determina perdita di potere, perdita di controllo. E’ forse proprio di questo che bisognerebbe incominciare a discutere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rendiconto Bilancio 2014, Casali (FI): "Aumentano tasse e spesa per il personale"

CesenaToday è in caricamento