rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

Regione, da Montalti (Pd) un'interrogazione sui lavori sull'E45 e il ripristino dell'ex Tiberina

La Consigliera regionale Lia Montalti ha presentato un’interrogazione per chiedere alla Giunta regionale qual è lo stato di avanzamento dei lavori

La Consigliera regionale Lia Montalti ha presentato un’interrogazione per chiedere alla Giunta regionale qual è lo stato di avanzamento, rispetto al programma originario, del piano di riqualificazione dell’E45 avviato nel 2016 da Anas, e qual è la situazione dei lavori previsti, e più volte sollecitati da diversi enti, circa la sistemazione della ex 3bis Tiberina, la quale fungerebbe da naturale alternativa all’E45 nei casi di emergenza.
 
“Sull’E45, che senza alcun dubbio rappresenta una delle arterie principali del nostro Paese per gli spostamenti su gomma dall’Adriatico al Tirreno, è stato avviato nel 2016 un imponente piano di riqualificazione per un investimento complessivo di oltre 1 miliardo destinato. – afferma la Consigliera regionale Lia Montalti –. Si tratta del più importante investimento mai destinato a questa infrastruttura e il piano prevede il risanamento profondo della pavimentazione, l’ammodernamento delle barriere di sicurezza, il risanamento di ponti e viadotti, l’adeguamento degli impianti tecnologici di sicurezza in galleria, il rifacimento della segnaletica e altri importanti interventi per il miglioramento del livello di servizio e degli standard di sicurezza della circolazione. I cantieri – prosegue – vengono aperti in modo scaglionato e graduale per poter eseguire i lavori cercando di evitare eccessivi disagi al traffico. Tuttavia, dopo 5 anni dall’avvio del programma, è bene che i cittadini sappiano qual è lo stato di avanzamento, soprattutto rispetto al cronoprogramma originario, e quindi quando potranno tornare a percorrere l’E45 in modo sicuro e senza rallentamenti e deviazioni”.
 
“In questo senso – evidenzia – la strada alternativa all’E45, di fondamentale importanza nei casi di emergenza, è rappresentata dalla ex 3bis Tiberina. Una strada che, tuttavia, è chiusa da oltre 22 anni e i lavori di sistemazione, sollecitati in più occasioni dalla Regione Emilia-Romagna e dai Comuni d’Alto Savio, non sono mai cominciati perché, secondo il Consiglio superiore dei lavori pubblici, commissione tecnica presso il Ministero delle Infrastrutture, non si può classificare come arteria di rilevanza nazionale. La situazione, soprattutto in vista di un nuovo inverno, – conclude Montalti – sta diventando sempre più insostenibile e serve per questo un rinnovato e maggiore impegno anche da parte della Regione Emilia-Romagna per sollecitare il Ministero affinché l’ex 3Bis Tiberina venga classificata come arteria di rilevanza nazionale a si avviino finalmente i lavori di manutenzione, indispensabili per la sua riapertura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, da Montalti (Pd) un'interrogazione sui lavori sull'E45 e il ripristino dell'ex Tiberina

CesenaToday è in caricamento