Regione, approvato il bilancio 2018. Montalti: "Importanti misure per il territorio"

Tra le altre voci vi è il co-finanziamento di 80 milioni di euro ai fondi strutturali europei, per accelerarne il programma di attuazione

La Regione Emilia Romagna ha approvato il Bilancio 2018, una manovra di oltre 11,8 miliardi di euro. "Per il quarto anno consecutivo – riporta il consigliere regionale Pd Lia Montalti – non aumentiamo le tasse e lavoriamo al contenimento della spesa. Vengono previsti investimenti per oltre 1 miliardo e 400 milioni di euro per la crescita, l’occupazione e lo sviluppo sostenibile. Tra le altre voci vi è il co-finanziamento di 80 milioni di euro ai fondi strutturali europei, per accelerarne il programma di attuazione, 68,6 milioni per le politiche di welfare, 35 milioni che sono destinati al reddito di solidarietà. E poi risorse per il turismo, la cultura, la sicurezza e il dissesto idrogeologico".

Questi sono alcuni dei temi affrontati dal nuovo Bilancio regionale, di cui, non bisogna dimenticare, la voce più rilevante è ovviamente quella relativa alla spesa sanitaria che da sola arriva a coprire circa il 75% delle risorse complessive. "Tra gli emendamenti che ho sottoscritto, e che sono stati approvati già nei giorni scorsi durante il lavoro delle commissioni - prosegue l'esponente dem - ci tengo a citarne due che riguardano temi importanti per il territorio. Il primo è quello che destina 250.000 euro per politiche di sostegno agli esercizi slot-free e alla campagna di sensibilizzazione contro i pericoli del gioco d’azzardo patologico. Il secondo è invece un emendamento, che con uno stanziamento di 700mila euro, finanzia la legge regionale 23, da poco approvata, che sostiene i piccoli esercizi polifunzionali nelle frazioni periferiche e nelle realtà montane".

"Penso sia importante e doveroso dare un aiuto concreto alle attività che contribuiscono al benessere delle comunità locali - conclude Montalti -. Un’attività che decide di rinunciare agli introiti generati dal gioco d’azzardo o un negozio che, lavorando nelle zone periferiche, diventa un presidio e un punto di riferimento per la comunità, contribuisce a dare un futuro ai nostri territori e per questo va sostenuto e valorizzato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento