menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Referendum, "Le Ragioni del Sì e del No" a confronto a Cesenatico

Sabato pomeriggio alle 17 si è svolto l’incontro fra i due schieramenti in campo per informare i cittadini sulle ragioni del "Sì" e del "No"

Sabato pomeriggio alle 17 si è svolto l’incontro fra i due schieramenti in campo per informare i cittadini sulle ragioni del "Sì" e del "No". Tanti i cittadini interessati ad ascoltare il dibattito (per il fronte del "No" l’avvocato Enrico Sirotti Gaudenzi, Coordinatore Regionale Comitati per il NO di Forza Italia e il Parlamentare del Partito Democratico, Enzo Lattuca per quello del "Sì". Moderatore e uomo super partes il giornalista Cristiano Riciputi. L’idea del dibattito, nata dalla volontà dei due comitati era stata suddivisa in due parti, la prima che consisteva in un gruppo di domande tecniche preventivamente preparate che lasciassero il giusto spazio di confronto sia all’esperto del "Sì" che a quello del "No" seguito da una seconda parte nella quale i cittadini presenti avrebbero potuto formulare alcune domande. Tutto questo in quanto il dibattito voleva essere un servizio rivolto a tutti i cittadini per dissipare eventuali indecisioni merito al Referendum che si voterà domenica prossima.

"Alcune note, che fanno onore alle persone intellettualmente oneste e libere, sono da segnalare all’interno del dibatto - afferma Forza Italia -. Una spigolatura che Enzo Lattuca, incalzato da Sirotti, manifesta in merito alla norma della riforma che prevede l’elezione di 5 Senatori da parte del Capo dello Stato dichiarandosi perplesso e alcune altre perplessità sull’iter intrapreso da questo Governo che ha esercitato forti pressioni all’interno del Parlamento perché venisse data un immediata approvazione al testo di legge della Riforma, nonostante Lattuca avesse sostenuto che “la Costituzione va trattata con i guanti” esprimendo il desiderio di fare le cose più con calma per mettere a punto anche i più piccoli dettagli di questa riforma, in sostanza Lattuca avrebbe voluto più tempo e forse osato di più".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento