Viadotto Kennedy, Mille Papaveri Rossi: "Male se si continuerà a discutere e a perder tempo"

Il comitato Mille Papaveri Rossi Cesena, con Potere al Popolo Cesena Potere al Popolo, interviene così sul tema della manutenzione delle infrastrutture

"Dopo la tragedia Genova sembra che il buon senso abbia preso il sopravvento, e che le opere di manutenzione e messa in sicurezza saranno finalmente realizzate". Il comitato Mille Papaveri Rossi Cesena, con Potere al Popolo Cesena Potere al Popolo, interviene così sul tema della manutenzione delle infrastrutture. Sulla questione del viadotto Kennedy, viene evidenziato, "di tempo ne è passato fin troppo da quando per primi ci sismo accorti dello stato del Viadotto che scavalca la ferrovia. E fu solo per caso, perché all'epoca ci avevano preoccupato le tante situazioni e segnalazioni di degrado con tante (troppe) persone finite (o che stavano finendo) ai margini della società e che utilizzavano, e in tanti lo fanno ancora perché la crisi sociale ed economica picchia ancora duro, le campate e le scalinate di servizio del cavalcavia per trovare un riparo. Una situazione allarmante che dopo tanti anni non ha trovato ancora soluzioni definitive".

"E ci siamo imbattuti anche nei meravigliosi murales, un vero e proprio "museo a cielo aperto" - proseguono da Mille Papaveri Rossi - Cesena -. E anche in qualche criticità, come i buchi nella rete di separazione tra cavalcavia e ferrovia, usati come rapidi passaggi davvero pericolosi e segnalati anch'essi. Oggi, dopo la tragedia di Genova, sembra che il buon senso abbia preso il sopravvento, e che le opere di manutenzione e messa in sicurezza saranno finalmente realizzate. Realizzate in maniera più invasiva, incisiva e con un costo molto piu alto (quante volte lo abbiamo detto e lo dovremo ancora dire, che prevenire con manutenzioni ordinarie e straordinarie è meglio e meno costoso che intervenire in emergenza) di quello previsto nella specifica "variazione di bilancio" approvata tanti (troppi) mesi fa dalla Giunta. Davvero un pessimo modo di amministrare la città".

"Quindi bene se i lavori partiranno davvero in tempi rapidi . viene sottolineato -. Benissimo se in qualche modo si riuscirà a mixare la necessità di messa in sucurezza di un'opera importante per la città con la bellezza dei murales (ne dubitiamo molto, sia per lo stato del cavalcavia, sia per il disinteresse che questa Amministrazione ha dimostrato per la "cultura" in ogni forma). Male se si continuerà a discutere e a perder tempo. E a Cesena tra Amministrazione e certa opposizione (da sempre assente oggi vuole essere "edotta" convocando "specifiche commissioni", abbiate almeno la decenza di donare eventuali gettoni di presenza alla "Genova ferita") siamo davvero arrivati alla frutta di una legislatura che si trascina stancamente. Noi non faremo un passo indietro, su questo e su tante altre priorità, e continueremo a denunciare e batterci per ciò che è giusto anche quando è "scomodo": anzi soprattutto quando è "scomodo"".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento