Provincia unica, Bulbi: "Iniziati gli incontri. No ai solisti"

Il presidente della Provincia 'bacchetta' i sindaci di Ravenna e Forlì, che nei giorni scorsi hanno condiviso l'idea di Ravenna capoluogo della futura Provincia e Cesena sede della futura Ausl unica

Massimo Bulbi, presidente della Provincia

Sembra non essere piaciuto a Massimo Bulbi (presidente della Provincia di Forlì-Cesena) il confronto avvenuto venerdì scorso a Borgo Sisa (al confine tra Forlì e Ravenna) tra i sindaci Roberto Balzani e Fabrizio Matteucci sul futuro della Romagna. Il presidente, senza citarlo direttamente, con una nota prende le distanze e in qualche modo "bacchetta" i due primi cittadini.

LA CRITICA - "Non mi sono sembrate opportune ed ancor meno utili - dice Bulbi -, le esternazioni di alcuni amministratori che hanno preferito avventurarsi in dichiarazioni di disponibilità ad assetti territoriali che avrebbero dovuto essere riservate ai momenti di confronto a ciò deputati". Nel corso del loro incontro, Balzani e Matteucci hanno parlato del capoluogo della futura provincia (con ogni probabilità Ravenna) e della sede della futura azienda unica sanitaria (con ogni probabilità Pievesestina, cioè Cesena).

UN MESE DI TEMPO - "Abbiamo di fronte a noi, poco più di un mese di lavoro per condividere, coi sindaci del territorio e le associazioni economiche e sindacali - spiega Bulbi -, la miglior proposta da portare al Consiglio delle Autonomie Locali (CAL) che elaborerà lo schema per la nostra regione".
 
INCONTRI - "Abbiamo già tenuto i primi incontri con associazioni e sindacati ed altri sono in via di calendarizzazione - continua Bulbi -. Ho trovato positivo che alcune forze politiche, come ad esempio il PD, abbiamo stilato delle proposte in merito che guardano al nuovo ente come la logica conseguenza dello sforzo compiuto in questi anni per realizzare politiche di area vasta; sarà importante poter contare anche su questo apporto soprattutto perché, prima di ogni questione organizzativa, la nuova provincia dovrà essere in grado di continuare a garantire, a cittadini e imprese, i servizi fin'ora erogati dai singoli enti".
 
NO AI SOLISTI - "La nostra responsabilità è grande - raccomanda il presidente - e perché il risultato finale sia positivo per tutti, serve lasciare da parte il ruolo di 'primi attori' per vestire, con maggior umiltà, quello di comprimari”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento