Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Profughi, la Lega: "Sindaco assente all'assemblea a Borello, che figuraccia"

"Una vera figuraccia che la dice lunga sull'incapacità della Giunta cesenate di affrontare i problemi veri della gente". Lo afferma Jacopo Morrone, segretario della Lega Nord Romagna

“Una vera figuraccia che la dice lunga sull’incapacità della Giunta cesenate di affrontare i problemi veri della gente”. Lo afferma Jacopo Morrone, segretario della Lega Nord Romagna, riferendosi alla “plateale assenza dell’amministrazione comunale all’assemblea del Quartiere Borello sull’apertura di una nuova struttura per accogliere stranieri gestita dalla Misericordia Valle Savio”. “Il ‘caso’ prende avvio diversi mesi fa, la Giunta Lucchi è stata più volte chiamata in causa dai residenti di Borello e delle zone limitrofe di Mercato Saraceno e dal Quartiere stesso sulla preponderante presenza di immigrati nella zona.

Dice Morrone: “Ricordo una lettera inviata dal presidente del Quartiere addirittura il 19 maggio 2016 al sindaco di Cesena e al sindaco di Mercato Saraceno, in cui si esprimeva preoccupazione per l’arrivo imminente di alcune decine di richiedenti protezione internazionale e si chiedeva un incontro. Invano. La lettera è rimasta senza risposta. Come sembra non sia stata sufficiente per destare l’attenzione di Paolo Lucchi una raccolta firme con centinaia di adesioni contro l’ipotesi dell’arrivo di nuovi stranieri a Borello, ipotesi che oggi diventa una realtà. L’assenza della Giunta cesenate dà quindi ragione ai residenti che la accusano di essere stati tenuti all’oscuro di quanto sarebbe avvenuto e di non essere ascoltati quando affermano che Borello è allo stremo”.

Sempre Morrone: “Credo sia improponibile che questo territorio si debba far carico di nuove presenze di stranieri, né è concepibile che una comunità debba cambiare abitudini di vita per la presenza ingombrante di persone che non rispettano le regole di convivenza civile e della legalità. Capiamo che il sindaco di Cesena sia molto occupato in altre faccende, tuttavia gli ricordiamo che da anni lo mettiamo in guardia sul problema immigrazione e critichiamo la sua inconsistente, e pericolosa, politica di accoglienza diffusa. E di certo non si possono considerare sufficienti le inutili lettere scritte al ministro Angelino Alfano dai sindaci dell’Unione, con in testa Lucchi nel suo ruolo di presidente, dove all’inefficienza dei primi cittadini nell’affrontare la presenza di stranieri irregolari, si aggiunge l’inefficacia delle loro timide e sterili prese di posizione”.

“Se si è con la gente, come siamo noi quando la protesta è legittima e sacrosanta, si scende in piazza e si assumono posizioni nette anche di rottura nei confronti di politiche e decisioni sbagliate, come quelle assunte dal governo Renzi. Di sicuro, è profondamente ingiusto e sbagliato avvelenare il rapporto con i cittadini con i pregiudizi e la sufficienza mostrati da molti amministratori della sinistra, come Lucchi, lontani anni luce dalla realtà. La Lega Nord, che ha già presentato due interrogazioni in Regione e una nel Consiglio comunale di Mercato Saraceno su questa vicenda, che vede coinvolta anche la Misericordia, non farà certamente mancare il proprio appoggio a questa giustissima protesta”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi, la Lega: "Sindaco assente all'assemblea a Borello, che figuraccia"

CesenaToday è in caricamento