Profughi a Cesenatico, il Partito Democratico: "No alle strumentalizzazioni"

"La Lega Nord Romagna dopo oltre 3 anni di silenzio sulla politica di Cesenatico ha rotto gli indugi e lo ha fatto in maniera meschina, arrogante e tristemente comica"

FOTO REPERTORIO

"La Lega Nord Romagna dopo oltre 3 anni di silenzio sulla politica di Cesenatico ha rotto gli indugi e lo ha fatto in maniera meschina, arrogante e tristemente comica,  attraverso le parole del segretario provinciale forlivese Jacopo Morrone.  Non è vergognoso che la città di Cesenatico – tramite una struttura alberghiera privata – ospiti temporaneamente una trentina di esseri umani in fuga da situazioni disperate. È invece vergognoso ed inaccettabile il modo in cui Morrone e la Lega Nord (dopo anni di assoluto silenzio nella politica della nostra città) tentino di strumentalizzare e cavalcare una vicenda che invece meriterebbe solamente solidarietà e magari un po’ di attenzione da parte dell’amministrazione per evitare problemi e incomprensioni".

Lo si legge in una nota del PD di Cesenatico, firmata dal capogruppo Matteo Gozzoli, in merito all'arrivo di alcune decine di profughi a Cesenatico.

"Nelle parole xenofobe di Morrone leggiamo solamente disprezzo ed esagerazioni che hanno davvero del comico. Affermare che a fine settembre o ai primi di ottobre “la decisione rischia di dare la mazzata finale agli imprenditori balneari vessati da crisi economia e maltempo”, per chi ha una minima conoscenza di cosa sia il turismo a Cesenatico, è una frase comica o meglio tragicomica perché dimostra che il forlivese Morrone parla a vanvera, senza conoscere minimamente il nostro territorio pur di aizzare l’odio".

"Riteniamo che la scelta del Ministero degli Interni di evitare la stagione estiva per questo tipo di operazioni sia stata un’operazione sensata, inoltre va detto che si tratta di un accordo tra un privato e la Prefettura che nulla ha a che fare con il Comune e con l’Unione dei comuni. Aspettando di capire quale sia la posizione della Lega Nord di Cesenatico in merito, ci rivolgiamo al Sindaco Buda chiedendo due cose: la prima che si dissoci dalle parole di Morrone e la seconda che – invece di perdere tempo in futili polemiche – si attivi insieme alle forze dell’ordine e alla Prefettura – affinché tutto sia gestito nel migliore dei modi per garantire la sicurezza dei nostri concittadini, evitando polemiche e garantendo ai profughi la necessaria accoglienza" dice ancora Gozzoli a nome del PD.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci rivolgiamo anche a tutte le associazioni e ai partiti della città perché si affronti questo passaggio in modo responsabile, senza creare allarmismi e senza creare campagne stampa che finirebbero per danneggiare l’immagine di Cesenatico. Il tema della sicurezza è un tema molto sentito in città, veniamo da una stagione estiva che ha mostrato serie criticità che di certo non dipendevano dai profughi e che rappresentano una sfida ancora da vincere.  Nel periodo autunnale e invernale riteniamo che con un buon coordinamento delle forze dell’ordine tutto possa essere gestito al meglio. Cesenatico è una città che ha fatto dell’ospitalità uno dei suoi valori aggiunti, in questo caso siamo chiamati ad unire ospitalità e solidarietà, chiediamo al Sindaco di essere responsabile e di attivarsi per gestire questa situazione."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento