Il Pd verso le primarie: chi sono, come la pensano e che futuro vogliono i tre candidati

Il Partito Democratico si avvicina alle primarie per la scelta del segretario del partito. Le posizioni e le differenze tra i tre candidati nelle interviste di CesenaToday

Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliano

MOZIONE ORLANDO - Per i sostenitori di Andrea Orlando parla Matteo Gozzoli, sindaco di Cesenatico e capolista tra i candidati cesenati all'assemblea nazionale del Pd per la mozione Orlando.

Mancano pochi giorni al voto delle primarie per la scelta del segretario, che Pd sarà se vince Orlando?
"Sarà un Pd più unito capace di guardare all'unità e ad un progetto di ricostruzione del centrosinistra. Sarà un Pd magari meno mediatico ma più attento ai territori e ai bisogni delle persone".

Quali sono i punti qualificanti del candidato da lei sostenuto?
"La proposta di Andrea Orlando ha un respiro di ricostruzione del Pd e di ricostruzione di un centrosinistra in grado di fare da argine alle destre e ai populismi. C'è un forte bisogno di unità e la forte esigenza di rimettere insieme una comunità politica in grado di discutere sulle grandi sfide del Paese senza personalismi. Altro punto importante è il tema dell'uguaglianza e dell'innovazione. C'è un gran bisogno di in Italia di conciliare le enormi spinte innovative in tutti i  settori con la  necessità e l'urgenza di  garantire parità di diritti e  uguaglianza con uno sguardo soprattutto per coloro che restano indietro".
 
Quali sono i principali limiti ed errori che addebita agli altri candidati?
"Renzi è un grande uomo di comunicazione ma a mio avviso non è stato in grado di guidare il PD come segretario. Il risultato si è visto in numerosi territori dove il partito manca oppure si è sfilacciato. Emiliano non credo che abbia la capacità di rappresentare il Partito Democratico e rilanciare un progetto di centrosinitra forte".

Quanti votanti prevede nel nostro territorio domenica?
"Difficile fare pronostici, ad oggi direi che queste primarie sono poco sentite rispetto alle precedenti del 2013. Mi aspetto un calo generale dell'affluenza con qualche eccezione in alcune città".

Dopo queste primarie, cosa si augura e prevede per il Governo Gentiloni?
"Mi auguro che il Governo porti a termine la legislatura e che il PD utilizzi questi mesi per rimettere a punto una proposta di governo per il Paese".

Dopo queste primarie, ci saranno effetti locali sul partito e sulle amministrazioni locali?
"Credo proprio di no. Ognuno è libero di fare le proprie scelte, dal 1° maggio saremo di nuovo tutti insieme al nuovo segretario".

Dopo queste primarie, su cosa dovrà lavorare principalmente il nuovo segretario del Pd?
"Ritengo che il primo aspetto di emergenza siano i territori, curare i circoli e per i luoghi della partecipazione. Il PD deve trovare nuovi strumenti per migliorare la vita democratica e per rilanciare la partecipazione concreta e non quella via web".

Un ultimo appello al voto agli iscritti e agli elettori del Pd  
"Domenica sarà un'occasione importante per ridare forza e slancio al Partito Democratico e per creare le condizioni avere un partito in grado di dialogare con tutte le forze progressiste del Paese. Per questo è fondamentale sostenere e votare la candidatura di Andrea Orlando".

L'INTERVISTA ALLA MOZIONE EMILIANO ==> continua

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura di San Valentino: giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno

  • Suicidio al liceo, troppa pressione a scuola? L'esperta: "Il risultato non è mai abbastanza"

  • Studente modello del Monti, era appena uscito da scuola: i contorni del dramma in stazione

  • Vuole pagare la macchina per il caffè 3 euro, sostituisce l'etichetta: il trucchetto finisce con la denuncia

  • Ha lottato contro il sarcoma di Ewing, addio a Steven Babbi. "Ha amato la vita fino all’ultimo istante"

  • Steven Babbi, fissati i funerali: le offerte destinate alla lotta contro i tumori

Torna su
CesenaToday è in caricamento