menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesenatico, primarie Pd. Gozzoli: "Puntare sulla raccolta porta a porta"

"È arrivato il momento di puntare sulla raccolta differenziata “porta a porta” in grado di diminuire la quantità dei rifiuti inviati in discarica", afferma Gozzoli

"Cesenatico è tra le località turistiche più famose e apprezzate della costa romagnola, tuttavia il sistema di raccolta dei rifiuti solidi urbani attualmente utilizzato sia nei quartieri turistici, sia nei quartieri residenziali va modernizzato. È arrivato il momento di puntare sulla raccolta differenziata “porta a porta” in grado di diminuire la quantità dei rifiuti inviati in discarica e per apportare risparmi alle famiglie e alle aziende (tramite il recupero dell’iva) attraverso l’attivazione di una bolletta puntuale che premi i cittadini che differenziano di più". E' quanto afferma il candidato alle primarie del Pd, Matteo Gozzoli.

"Oggi Cesenatico è il fanalino di coda della provincia di Forlì-Cesena con il 38,8% di raccolta differenziata (dati 2014), dobbiamo metterci al lavoro per allineare la città agli obiettivi della Regione Emilia-Romagna che, attraverso la nuova legge sul ciclo dei rifiuti, punta ad arrivare ad un 73% di differenziata entro il 2020 e introduce la tariffazione puntuale; in poche parole i cittadini pagheranno solamente per la quantità di rifiuti indifferenziati che andranno a smaltire - afferma il candidato -. Inoltre la Regione ha previsto un Fondo dedicato ai Comuni che metteranno in campo progetti per incentivare la raccolta differenziata. Ritengo essenziale, inoltre, puntare su una maggiore equità rispetto a quanto i cittadini pagano per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, per questo lavorerò sull’introduzione della tariffazione puntuale, che permetterà di pagare per il solo rifiuto indifferenziato prodotto, con un vantaggio per i cittadini virtuosi, e anche per le imprese, che potranno così recuperare l’iva. Insieme alla raccolta differenziata vanno migliorate e riqualificate le isole ecologiche presenti nei quartieri, e vanno promossi anche nuovi servizi per i cittadini, come i centri comunali del riuso, dove è possibile recuperare e dare nuova vita alle cose, prima che diventino rifiuti".

"Si tratta prima di tutto di una sfida culturale sulla quale ci sarà tanto da lavorare e inoltre occorre informare bene i cittadini che una volta attivata la tariffazione puntuale le buone pratiche in fatto di rifiuti potranno tradursi in risparmi concreti in bolletta - conclude l'esponente democratico -. Già da diversi anni le nostre strutture ricettive e commerciali vedono una sorta di raccolta porta a porta dei rifiuti, ora occorre accelerare e mettersi al pari con le altre realtà, estendendo una raccolta “porta a porta” anche per le abitazioni private e per i condomini. Realtà a noi vicine hanno optato per un sistema ibrido di raccolta dell’umido e dell’indifferenziato con il sistema porta a porta, mentre sulle strade possono rimanere carta, plastica e vetro. Soprattutto per i quartieri turistici, tutto ciò potrebbe tradursi in una scelta che qualifica l’ambiente, rimuovendo dalle strade i cassonetti maleodoranti e in generale consentirebbe un impatto più soft sulle abitudini delle famiglie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento