Pri: "Sì a spending review che non guardi in faccia a nessuno"

Di Placido: "La decisione dell'Amministrazione di rinunciare alla figura del Direttore Generale è benvenuta ma arriva tardi"

La decisione dell'Amministrazione di rinunciare alla figura del Direttore Generale è benvenuta ma arriva tardi. Da tempo, infatti, affermiamo che la struttura comunale poteva benissimo fare a meno di questa figura, al punto che avevamo addirittura presentato un emendamento al Bilancio Preventivo 2012 con il quale si prevedeva la sua eliminazione”. Taglia corto Luigi di Placido del Pri.

“Il Sindaco – aggiunge - dice che verrà responsabilizzata maggiormente la Segreteria Generale, e anche questo coincide esattamente con la proposta che i Repubblicani avevano avanzato per dimostrare che esistevano le competenze e le professionalità che rendevano inutile la figura del Direttore Generale. Quello che ci delude è che la rinuncia sia figlia più delle ristrettezze economiche che di una reale convinzione”.

“Se, infatti, - sottolinea -  si volesse tracciare un bilancio di questa esperienza, occorrerebbe dire che di miglioramenti rilevanti e sostanziosi non se ne sono ravvisati, tranne per quanto riguarda l'impoverimento di alcuni Assessorati, le cui competenze sono state trasferite alla Direzione Generale, spesso in maniera difficilmente comprensibile. Seppur tardivo, è un segnale positivo, ma per il 2013 occorre ben altro”.

“Sindaco e Vice-Sindaco – rimarca il consigliere dell'Edera - avvertono che mancheranno più di 5 milioni di Euro al prossimo bilancio comunale. Premesso che ormai siamo abituati a sentire lamentazioni in fase di preventivo e a vedere avanzi di bilancio in fase di consuntivo (più di 2 milioni nell'ultima occasione), crediamo che occorra una forte assunzione di responsabilità della politica, che porti ad una vera e propria "spending review" che non guardi in faccia a niente e nessuno, neppure ai settori che vengono sempre pomposamente definiti "identitari", perchè inasprire la tassazione su cittadini e imprese è stato facile lo scorso anno grazie al "nevone", ma non può essere la soluzione”.

“E le spending review che si rispettano vengono fatte con il contributo di tutti gli attori e a carte scoperte, senza preparare minestre in pochi e riscaldarle per molti.
Sono molti gli argomenti sui quali occorrerà, da subito, cominciare a confrontarsi, ne citiamo solo alcuni che per noi sono imprescindibili: una macchina burocratica più snella e veloce, un welfare più sussidiario e meno legato a trasferimenti (si veda la variazione di bilancio in discussione in questi giorni, dove le spese del Comune in questo settore aumentano di un 10% tutto finanziato da Regione e Ausl: ma per quanto ancora?); una cultura fatta di politiche di rete territoriale e non di Ert, un'attenzione al mondo del lavoro che sia meno contentini e più condizioni favorevoli ad insediamento e sviluppo. Daremo il nostro contributo con convinzione, nella speranza di trovare interesse reale e non di facciata.
Vogliamo essere ottimisti: talvolta le situazioni difficili obbligano a soluzioni coraggiose, esattamente quelle che servono a Cesena. Il re è nudo, gli indugi diventano colpe”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento