Cesenatico, i repubblicani: "L'edificio di via Saffi continui a vivere e diffondere cultura"

Il Partito Repubblicano di Cesenatico chiede all'amministrazione di Roberto Buda "un netto cambio di marcia e riporti al centro delle discussioni le vere problematiche della città

Il Partito Repubblicano di Cesenatico chiede all'amministrazione di Roberto Buda "un netto cambio di marcia e riporti al centro delle discussioni le vere problematiche della città. E' assolutamente necessario che questa amministrazioni fornisca in breve tempo risposte rapide e concrete dimostrando doti e capacità, la città non può aspettare ne può perdere tempo, si deve perdere il vezzo di attendere le elezioni per portare a termine i progetti e donare alla città nuove ed indispensabili opere".

"A fronte della prospettiva di realizzare un nuovo complesso scolastico, comunichiamo il nostro parere favorevole e che tale progetto , come qualsiasi altro progetto nato per il bene e lo sviluppo della città, provoca il nostro interesse - evidenziano i repubblicani -. Dispiace che il progetto sia ancora del tutto abbozzato e non ci sia ancora una precisa pianificazione dell'intervento, ma converrete con noi che la concretezza non è certo tra le virtù di questa amministrazione. Quel che ci preme è che il progetto del nuovo complesso scolastico nasca con il chiaro obbiettivo di realizzare una struttura d'eccellenza con alti standard qualitativi e non come intervento tampone a fronte di una emergenza scolastica".

Il PRI fa notare che "l'ubicazione profilata in Via Torino non sia delle più felici , in quanto si tratta di una via già afflitta da problemi di traffico e viabilità e che con tale collocazione se ne aggravi il carico e si aggravi pure il conflitto già in essere tra scuola e mercato. Un tale intervento in questa area debba assicurare ed offrire un adeguato numero di parcheggi e dare garanzia del rispetto del verde pubblico. Fondamentale che si attui questa progettazione solo dopo aver portato a termine tutti quei necessari controlli ed indagini sulle scuole comunali già richiesti , che sia quindi dichiarata la sicurezza di essi , scongiurando così imprescindibili interventi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I repubblicani condividono "che il costo di tale intervento sia sostenuto da oneri di sostenibilità ed urbanizzazione, sia assolutamente necessario intercettare finanziamenti regionali e che solo minima parte sia coperta da nuovi mutui o leasing , e che nella determinazione del budget sia prefissata una voce per il pieno recupero dell' edificio in Via A.Saffi, ex sede scuola "2 Agosto 1849" , edificio che non vogliamo dimenticare ed abbandonare ad un triste declino, anzi proponiamo che l'edificio continui a svolgere quella funzione culturale e di aggregazione che è opera indispensabile per il centro storico, oggi fulmineamente colpito dalla chiusura della scuola, ospitando al suo interno scuole ed associazioni che si occupano di attività legate alla cultura, arte, spettacolo, danza e musica e sport, potrebbero trovare qui spazio per una sede e per lo svolgimento delle proprie attività le associazioni culturali e sportive. La nostra proposta vuole che l'edificio continui a vivere e diffondere cultura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento