Presidenza del consiglio comunale, Casali (FI): "A Cesena vige ancora la monarchia"

"A Cesena vige ancora la monarchia. Le elezioni hanno avuto il loro corso, il Sindaco è stato eletto, sono stati eletti i consiglieri comunali; il Sindaco poi ha fatto la sua giunta di governo; tutto bene, tutto normale in una democrazia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

"A Cesena vige ancora la monarchia. Le elezioni hanno avuto il loro corso, il Sindaco è stato eletto, sono stati eletti i consiglieri comunali; il Sindaco poi ha fatto la sua giunta di governo; tutto bene, tutto normale in una democrazia. Ora è necessario che il Consiglio Comunale designi la Presidenza al Consiglio, alle commissioni e alle consulte; anche qui tutto normale, se non fosse che il neo-Sindaco convoca a palazzo Albornoz  i candidati Sindaci per parlare di quest’ultimi argomenti; ora, per noi di Forza Italia nulla osta che a rappresentarci ci sia il nostro Gilberto Zoffoli che sarà anche il nostro capogruppo, quello che non mi torna è che nessuno dei consiglieri comunali del PD sia stato invitato; ne deduco quindi che chi rappresenta il Consiglio Comunale non sarà il capogruppo del PD ma bensì il Sindaco-monarca.

Ne deduco anche che le materie che riguardano il funzionamento del consiglio comunale non riguardino i consiglieri ma bensì il Sindaco; in altre parole lui propone la delibera e poi, mettendosi la giacca del capogruppo, vola sulle poltrone dei consiglieri e l’approva. “A fag tut mi”, dicono a Ferrara e ora lo sentiremo dire anche a Cesena. E’ questa una storia vecchia che comunque è bene rinfrescare ai Cesenati; il Lucchi Paolo risulta essere, contemporaneamente, Presidente del distretto socio sanitario, Presidente dell’Unione di Comuni, Sindaco di Cesena e ora anche capogruppo della maggioranza del Consiglio Comunale. La cosa desta ancora più stupore per l’approccio impavido; fa scrivere sulla stampa: “venite su a Palazzo che devo decidere le Presidenze…”. problema è che non spetterebbe a lui deciderle; ma si sa questo avviene in una democrazia; a Cesena siamo ancora alla monarchia perché il 2 giugno non è mai arrivato".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento