Potere al Popolo: "Vogliamo dare piena attuazione alla Costituzione"

"La nostra Repubblica è fondata su chi lavora. Questo è sancito nel primo articolo della nostra Costituzione, nata dalla lotta di liberazione dal nazi-fascismo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

La nostra Repubblica è fondata su chi lavora. Questo è sancito nel primo articolo della nostra Costituzione, nata dalla lotta di liberazione dal nazi-fascismo. Il Referendum del 4 dicembre ha mostrato la chiara volontà del popolo italiano di difendere la "carta costituzionale". Noi vogliamo non solo difenderla, ma attuare pienamente le idee che erano espressione di chi ha partecipato alla Resistenza, la costruzione di una nuova società fondata sulla dignità e i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, l’eliminazione di ogni discriminazione, il principio di eguaglianza sostanziale, i diritti sociali, la salvaguardia del patrimonio ambientale e artistico, il ripudio della guerra.

Per tutto questo lottiamo per ridare centralità e dignità alle lavoratrici e ai lavoratori. Perché ogni discriminazione di sesso, etnia, lingua, religione, orientamento sessuale venga superata, rimuovere ogni ostacolo di carattere economico e sociale che limita l’uguaglianza. Abrogare l’articolo 7 con il richiamo ai Patti Lateranensi, per la piena affermazione del principio di "laicità dello Stato" in tutte le sfere della vita pubblica.

Promuovere e supportare la cultura, la ricerca scientifica e salvaguardare il patrimonio ambientale e artistico.  Ripudiare "veramente" la guerra e dare un taglio drastico alla spesa militare. Rimuovere il vincolo del pareggio di bilancio, inserito con la modifica dell’articolo 81, che sacrifica le vite e la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori in nome dell’equilibrio fiscale e dei parametri europei. Noi vogliamo una Europa diversa.

Ripristinare il Titolo V della Costituzione com’era prima della riforma del 2001. Contrastare in ogni modo CETA, TISA, TTIP, trattati internazionali aberranti che vorrebbero cancellare ogni parvenza di sovranità popolare e democratica in nome del primato del profitto. Ripristinare l’elezione del Parlamento attraverso un vero sistema proporzionale, contro il maggioritario e il rafforzamento del potere esecutivo. Sciogliere le organizzazioni fasciste, requisire i loro patrimoni e riutilizzarli per finalità sociali, proprio come si fa per le mafie! Per tutto questo, il 4 marzo vota e fai votare "Potere al popolo"..

Comitato Mille Papaveri Rossi - Cesena con Anna Strippoli candidata alla Camera per Potere al Popolo

Potere al Popolo - Cesena

Potere al Popolo Emilia Romagna

Mille Papaveri Rossi

Torna su
CesenaToday è in caricamento