menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Popolari per Cesena: "Investire sulle infrastrutture per rilanciare l’economia"

"Il territorio cesenate per la particolare posizione che occupa di snodo nord-sud ed est-ovest deve mantenere un’economia aperta agli scambi ed alle innovazioni tecnologiche"

"Premesso che riteniamo positivo il ruolo svolto dall’Amministrazione Comunale durante la crisi Covid-19, in una situazione di gravità senza precedenti, riteniamo necessario insistere su quelle che a nostro avviso sono le priorità in materia economico–sociale da seguire per la ripresa". Lo affermano in una nota i Popolari per Cesena.

"Il territorio cesenate per la particolare posizione che occupa di snodo nord-sud ed est-ovest deve mantenere un’economia aperta agli scambi ed alle innovazioni tecnologiche. Deve poi valorizzare le peculiarità che contraddistinguono la nostra area, quali l’agricoltura, il turismo, l’industria agroalimentare e la metalmeccanica.  Per queste considerazioni, risulta fondamentale il ruolo delle infrastrutture, viste nell’ottica di quell’Area Metropolitana Romagna da noi sempre proposta e caldeggiata, quale spazio istituzionale che orienti il sistema Romagna ad uno sviluppo economico – sociale integrato con i livelli regionale, nazionale e comunitario. Pensiamo sia fondamentale individuare ed investire in infrastrutture “mirate” al rilancio dell’economia locale".

"In questa ottica rilanciamo con forza proposte che già avevamo avanzato in fase di campagna elettorale:  il completamento della Secante, mediante la realizzazione del cosiddetto “lotto 0” per ottimizzare la circolazione attorno alla Città. Il “lotto 0” però non va visto come fine a se stesso; da solo non risolverebbe il problema del collegamento sicuro e veloce tra Cesena, Forlimpopoli e Forlì. Dunque occorre sbloccare il “lotto 0” e terminare la secante e contestualmente realizzare il raddoppio della via Emilia raccordandosi alla circonvallazione di Forlimpopoli, perché il collo di bottiglia è Capocolle e i percorsi alternativi sono insufficienti a servire il traffico verso la zona industriale. Il “solo” lotto zero non servirebbe a nulla".

"Il miglioramento del collegamento con la Riviera con la realizzazione di una nuova strada a scorrimento veloce, che colleghi Cesena con Cesenatico e Cervia; questo per incentivare e sviluppare il progetto da noi sostenuto “Mare-Città-Collina” al fine di integrare diverse componenti dell’offerta turistica in maniera sinergica. Le associazioni di categoria, i Comuni, gli operatori (della ristorazione e non solo) dovrebbero attivarsi per ideare pacchetti che prevedano l’esperienza del mare, di ristoranti della città e del comprensorio, con prezzi abbordabili e certi. Tali pacchetti potrebbero poi essere pubblicizzati ed essere anche abbinati a manifestazioni culturali e turistiche di richiamo. L’ammodernamento e la funzionalità della E45; è fondamentale per rimanere legati ai collegamenti verso l’Europa. La realizzazione di un collegamento ferroviario fra Cesena e Ravenna, compreso il suo porto industriale. Vogliamo portare queste nostre proposte, a nome dei cittadini, al tavolo di maggioranza ed alla Giunta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una bontà tradizionale: la ricetta delle Pesche dolci all'alchermes

Arredare

Divano nuovo? Ecco i consigli per non sbagliare l'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento