rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Politica

Policlinico della Romagna, interpellanza del M5S: "Quale è stato il ruolo di Cesena?"

"Il progetto per il decentramento di un corso di Laurea in Medicina e Chirurgia in Romagna risale ad almeno  2 anni orsono"

Il Movimento 5 Stelle presenta un'interpellanza in consiglio comunale sul progetto del Policlinico della Romagna. "Il progetto per il decentramento di un corso di Laurea in Medicina e Chirurgia in Romagna risale ad almeno  2 anni orsono, secondo le affermazioni del Prorettore dell'Alma Mater, sviluppatosi con incontri tra rappresentanti della Regione, dell'AUSL Romagna e delle amministrazioni locali. Nel febbraio scorso è stato approvato il documento strategico condiviso tra Comitato di di Indirizzo Regionale e Conferenza Territoriale Socio-Sanitaria (CTSS) della Romagna che ha portato all'accordo quadro tra Ateneo di Bologna e AUSL della Romagna con la definizione anche delle prime 3 Unità Operative a direzione universitaria". 

"E' di questi giorni l'accordo condiviso tra Presidente della Regione, Assessore Regionale alla Sanità, Rettore dell'Università di Bologna e i quattro sindaci di Forlì, Ravenna, Rimini e Cesena che darà il via alla futura costituzione del cosiddetto Policlinico della Romagna; l'investimento economico per tale progetto è stato stimato inizialmente in alcune decine di milioni di euro. "In base a tali accordi, le sedi didattiche proprie del corso di Laurea in Medicina e Chirurgia saranno Forlì e Ravenna, decisione che di fatto esclude dal corso di base specifico le altre due città capoluogo della Romagna, in particolare Cesena; per il momento non sono previsti nelle sedi prescelte investimenti per le aule di didattica, studio e ricerca, cosicchè i corsi saranno ospitati nelle sedi attuali, non specifiche, dato che la Facoltà decentrata è prevista a regime tra almeno 6 anni; nella sede di Cesena nell'ambito del Polo Tecnologico, sarà potenziato il corso di Ingegneria Biomedica, solo complementare per quanto riguarda le materie cliniche di Medicina e Chirurgia; la sede di Cesena è previsto che ospiti alcuni corsi di specializzazione e tirocini post-laurea, che avranno inizio almeno tra 6 anni, tempo necessario agli studenti per terminare il corso di laurea di base; i principali attori coinvolti, tra cui i Sindaci delle 4 città capoluogo della Romagna, e in particolare anche il sindaco di Cesena, hanno auspicato che il corso di laurea possa partire già dal prossimo anno accademico 2020-2021 con 180 posti complessivi, divisi tra Ravenna e Forlì".

"Cesena sarà sede di  un nuovo ospedale “provinciale”, classificato di 2° livello, sede tra l'altro di Trauma Center di riferimento per l'intera area romagnola; che la struttura da costruirsi ex-novo potrebbe ospitare spazi dedicati a didattica, studio e ricerca per l'utilizzo universitario; che tale opera pubblica, secondo il cronoprogramma stilato dalla passata amministrazione e  confermato dall'attuale, sarà a regime (“Chiavi in mano”) nel 2025, quindi tra 6 anni circa, quando la sede decentrata di Medicina e Chirurgia dovrebbe essere a pieno regime; che il sindaco attuale di Cesena ha invitato più volte  al dialogo i Colleghi delle altre città capoluogo della Romagna, in particolare Forlì e Ravenna, una volta resa nota la sede didattica del corso di Laurea di Medicina e Chirurgia".

Il M5S cesenate interroga sindaco e giunta su "quali sono le motivazioni evidenziate negli incontri tra Sindaci delle 4 città capoluogo, AUSL Romagna, Alma Mater e Regione ER, che hanno determinato l'individuazione delle sedi di Forlì e Ravenna per il corso di laurea in Medicina e Chirurgia; quale ruolo e quale posizione ha assunto in merito a tale decisione, la CTSS della Romagna e in particolare i sindaci del cesenate e di Cesena; cosa prevede il documento strategico siglato nel febbraio scorso tra Comitato di Indirizzo Regionale e CTSS e il successivo accordo tra Ateneo bolognese e AUSL della Romagna per quali motivi il sindaco di Cesena ha invitato più volte i sindaci di Forlì e Ravenna al dialogo sul tema della localizzazione della sede didattica della Facoltà; quale è stata la posizione del sindaco di Cesena nei confronti degli altri Sindaci  per ottenere un ruolo equilibrato delle 4 città capoluogo della Romagna, rispetto alla sede didattica della Facoltà di Medicina e Chirurgia, che comprendesse anche Cesena".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Policlinico della Romagna, interpellanza del M5S: "Quale è stato il ruolo di Cesena?"

CesenaToday è in caricamento