Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Pnrr locale, il Movimento 5 Stelle risponde alle critiche di Lattuca: "Ansia da palcoscenico"

Il Movimento 5 Stelle di Cesena risponde così alle critiche avanzate ai pentastellati dal sindaco Enzo Lattuca durante la Festa dell'Unità

"Crediamo ancora e comunque che si possa collaborare col fine più alto che deve essere quello di migliorare la città, ma certo non attraverso queste esibizioni e in questi modi". Il Movimento 5 Stelle di Cesena risponde così alle critiche avanzate ai pentastellati dal sindaco Enzo Lattuca durante la Festa dell'Unità. Esternano in una nota: "Leggiamo che un fiume di denari potrebbe arrivare a Cesena, permettendo a questa amministrazione di appuntarsi al petto una medaglia d’onore, affatto meritata se si vanno ad analizzare con raziocinio le proposte avanzate per la riqualificazione di alcune parti di Cesena. Ma sono soprattutto le parole a colpire la nostra attenzione. “L’opposizione non è interessata a fare proposte” si legge negli articoli del 23 luglio a seguito di una delle serate targate Pd. Ipotizziamo che questa affermazione sia figlia di una sorta di ansia da palcoscenico avuta da Lattuca trovatosi col microfono in mano e la voglia di accendere applausi per scaldare il pubblico, non troviamo altra spiegazione e siamo però costretti a scrivere una rettifica non per rimproverare ma in onore del realmente accaduto (e per ricordarlo a Lattuca)".

Proseguono i pentastellati: "Il 28 giugno scorso il M5S di Cesena accettò un invito di Lattuca e abbiamo trascorso cordialmente 2 opre abbondanti seduti allo stesso tavolo a parlare di criticità e proposte per la città. Al termine dell’incontro abbiamo consegnato nelle mani di Lattuca un documento riepilogo delle nostre segnalazioni e proposte; documento che per trasparenza abbiamo in seguito fatto pervenire a tutti i referenti delle forze sedute in consiglio comunale, Pd compreso (Plumari). Sarà facile per tutti trovarne menzione anche nella cronaca locale perché fu pubblicato comunicato a riguardo; la rigenerazione dell’area stazione ferroviaria, il Lotto Zero della Secante, i progetti di lavoro di utilità collettiva (Puc) ed altri problemi irrisolti della città; problemi che fino ad ora a nostro avviso sono stati affrontati in modo e metodo superficiale da questa giunta che senza aiuti esterni sembra incapace di organizzare una programmazione politica-economica-sociale all’altezza di una città come Cesena".

"Ecco perché siamo costretti ora a ribattere a certe affermazioni così lontane dai recenti eventi che hanno visto partecipare anche Lattuca fisicamente - viene chiarito -. Non conosciamo il motivo di certe dichiarazioni e per questo ipotizziamo un semplice scivolone da palcoscenico come dicevamo sopra. Il nostro “manifesto” programmatico, nel caso qualcuno a palazzo Albornoz ne avesse perso copia, è a disposizione di tutti allo scopo di far conoscere le proposte, che ci sono! e confrontarsi sulle possibili alternative. Crediamo ancora e comunque che si possa collaborare col fine più alto che deve essere quello di migliorare la città, ma certo non attraverso queste esibizioni e in questi modi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pnrr locale, il Movimento 5 Stelle risponde alle critiche di Lattuca: "Ansia da palcoscenico"

CesenaToday è in caricamento