Pli: "Inutile la provincia unica, ci vuole la Regione Romagna"

"La recente polemica, tutta interna al PD, su provincia unica romagnola si o no, è decisamente stucchevole ed inutile" tuona Stefano Angeli segretario regionale del Pli

“La recente polemica, tutta interna al PD, su provincia unica romagnola si o no, è decisamente stucchevole ed inutile” tuona Stefano Angeli segretario regionale del Pli. “Inutile perché la situazione economica e finanziaria dello stato imporrà comunque, ci piaccia o no, un accorpamento di enti locali ormai insostenibili come apparati burocratici e come costi, apparati sempre più spesso con competenze sovrapposte e addirittura in contrasto tra loro”.

“Stucchevole – continua - perché se da un lato non sono altro che lo specchio di una lotta per la competizione interna al PD dall’altro copre quello che è il vero nodo per il territorio ovvero la struttura amministrativa ottimale che garantisca ad un’area omogenea e con interessi comuni come la Romagna di poter continuare a difendere tali interessi, le proprie peculiarità e la propria competitività non solo in Italia, ma in Europa e nel Mondo. A nostro avviso la risposta non è né la provincia unica, né l’area vasta, né altri surrogati, ma sarebbe stata la realizzazione della Regione Romagna”.

“Oggi – sottolinea - è molto meno di moda parlare di questo storico progetto, usato e sbandierato in modo strumentale dalla Lega per anni ed oggi dimenticato pure da loro, ma i liberali non sono soliti seguire le mode e quindi non abbiamo timore a ribadire che a nostro avviso quella era, ed è tutt’ora, la strada maestra per razionalizzare, rendere più democratico e più funzionale al territorio l’assetto istituzionale. Ovviamente una Regione Romagna renderebbe inutili, più di quanto già non lo siano, le province e ci meraviglia come tanti che in passato sbandieravano, e mettevano nei loro programmi elettorali, l’abolizione delle province oggi anch’essi abbiano vuoti di memoria sull’argomento”.

“Le province – conclude - a nostro avviso andrebbero abolite senza mezzi termini su tutto il territorio nazionale distribuendo le poche competenze rimaste a Regioni e comuni, con precise suddivisioni di compiti che pongano fine al continuo conflitto tra enti locali di vario livello persino se guidati dal medesimo partito”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento