Politica

Più Europa in sciopero della fame: "Situazione critica nelle carceri, aggravata dal Covid"

"Un’azione non violenta di digiuno che accoglie l’appello di Rita Bernardini, presidente onoraria dell’associazione Nessuno Tocchi Caino e che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e la politica sulla difficile realtà delle carceri Italiane"

Più Europa Forlì-Cesena da venerdì 4 dicembre aderirà in staffetta assieme agli altri gruppi territoriali dell’Emilia-Romagna allo sciopero della fame, "un’azione non violenta di digiuno che accoglie l’appello di Rita Bernardini, presidente onoraria dell’associazione Nessuno Tocchi Caino e che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e la politica sulla difficile realtà delle carceri Italiane. Realtà resa ancora più critica dall’emergenza sanitaria in atto. Il numero di positivi al Covid tra i detenuti e le guardie carcerarie nel paese è in progressivo aumento e ad oggi si contano 949 detenuti e 989 operatori positivi. In questa grave situazione, all’interno di molti penitenziari, sono presenti bambini assieme alle loro madri carcerate. Le istituzioni italiane e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ad oggi sembrano restare immobili e indifferenti". 

"Chiediamo interventi concreti e incisivi e, nonostante la situazione carceraria a Forlì sembri essere più “serena” rispetto ad altre realtà nazionali, vogliamo mantenere alta l’attenzione anche nel nostro territorio.  Da venerdì ci uniremo, con il nostro coordinatore Luca Pieri (a Cesena) e il nostro iscritto Matteo Parola (a Forlì), a Rita Bernardini, che è al ventunesimo giorno si sciopero della fame, e ad altri 611 cittadini e altri 600 detenuti. Tutti possono partecipare e unirsi a noi in questa battaglia che ha come obiettivi primari la diminuzione dei contagi nelle carceri e lo sviluppo di un progetto alternativo dedicato ai bambini che risiedono nelle carceri assieme alle loro madri: mai più bambini in carcere. E' una battaglia di civiltà e il diritto alla salute è di tutti e non ammette zone franche". 

Chi volesse unirsi a noi può scriversi direttamente su Facebook (https://www.facebook.com/piueuropacesena) o alla mail piueuropacesena@gmail.com. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più Europa in sciopero della fame: "Situazione critica nelle carceri, aggravata dal Covid"

CesenaToday è in caricamento