Piazza della Libertà, Angeli (Pl): "Chi è contrario non si arrenderà"

"Troviamo però estremamente criticabile il fatto che ancora una volta, ad un dibattito pubblico davanti a tanti cittadini di Cesena, l’amministrazione comunale abbia disertato l’appuntamento e che ancora una volta il sindaco della città abbia deciso di tacere"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Anche se non fisicamente presenti, benché ben rappresentati da Luigi Di Placido, abbiamo seguito online gli interventi succedutisi durante l’incontro pubblico su Piazza della Libertà tenutosi al Palazzo del Ridotto ed organizzato dal comitato cittadino. Abbiamo notato come l’argomento della salvezza del parcheggio a servizio del centro storico sia ancora molto sentito ed abbia attirato, ancora una volta, un folto pubblico.

al canto nostro ribadiamo che fino all’ultimo continueremo a sostenere la battaglia per la salvaguardia del parcheggio, o come unica alternativa per la realizzazione di un parcheggio interrato come già previsto dal progetto che vinse l’unico concorso di idee pubblico che sia mai stato fatto. Troviamo però estremamente criticabile il fatto che ancora una volta, ad un dibattito pubblico davanti a tanti cittadini di Cesena, l’amministrazione comunale abbia disertato l’appuntamento e che ancora una volta il sindaco della città abbia deciso di tacere, come se la cosa non lo riguardasse.

Troviamo questo atteggiamento senz’altro una mancanza di rispetto verso cittadini e forze politiche che partecipano alla discussione, ma soprattutto un segnale di estrema debolezza di chi non è in grado di difendere con argomenti le sue scelte se non in manifestazioni totalmente sotto il proprio controllo organizzativo. Siamo consapevoli che la posizione della giunta e la maggioranza in consiglio comunale, benché forse non così monolitica come si fa credere, siano allineate alla volontà del sindaco Paolo Lucchi di proseguire ad ogni costo con questo discutibile e costoso progetto, ma vogliamo che si sappia che coloro che si oppongono democraticamente a questa opera, noi compresi, non hanno alcuna intenzione di arrendersi e proseguiranno la mobilitazione nei mesi a venire per tentare di impedirne la
realizzazione.

Stefano Angeli, Progetto Liberale  

Torna su
CesenaToday è in caricamento