Pd: "Ruolo etico delle banche, maggior impegno per snellire gli iter burocratici"

"Oggi il Governo, così come avvenuto in altri Paesi, ha consegnato alle banche il canale per l'erogazione di liquidità a supporto delle attività colpite dalla crisi economica"

"Durante il periodo di lockdown, tra le categorie dei servizi essenziali rimasti aperti, a servizio della collettività, c'era anche quello offerto dalle banche e dai suoi oltre 250 mila dipendenti bancari. Il nostro ringraziamento va anche a loro". Lo afferma Il Gruppo consiliare del Partito Democratico di Cesena.

"Come per tutte le categorie, nelle prime fasi mancavano i presidi di sicurezza, dalle mascherine ai pannelli separatori, per il personale delle filiali, a stretto contatto con la clientela. Le misure organizzative prese dalle banche, come la gestione della clientela su appuntamento, il personale su turni di lavoro, anche con alte percentuali di smart working, hanno consentito di limitare gli effetti della malattia (16 decessi e circa 1000 infettati, tra i 16 maggiori Istituto nel territorio italiano)".

"Oggi il Governo, così come avvenuto in altri Paesi, ha consegnato alle banche il canale per l'erogazione di liquidità a supporto delle attività colpite dalla crisi economica a causa di quanto avvenuto per contrasto al Covid-19, attraverso il Decreto "Liquidità" e le Garanzie dello Stato.  Per ovviare anche alle difficoltà operative di soddisfare milioni di richieste contemporanee di liquidare la Cassa integrazione ordinaria ed in deroga, è stata firmata una convenzione tra Governo, ABI (associazione bancaria italiana) e INPS che consente l'anticipo degli importi tramite le Banche. Emerge quindi anche un grande ruolo che il sistema bancario ha, ma che negli ultimi anni ha mostrato qualche difficoltà. Capiamo quindi che anche il susseguirsi di Decreti, dichiarazioni e chiarimenti avvenuti nell'emergenza, possa aver messo dubbi ai Banchieri ed ai loro deliberanti del credito, il rischio di incorrere in revocatoria fallimentare, nonché nelle varie fattispecie penali-fallimentari di bancarotta e di concessione abusiva del credito. Su questo il Governo potrebbe mettere mano a chiarimento. Ma rimane il ruolo etico delle Banche. Non vogliamo con questo testo richiamare il buon cuore, così come ha fatto il Presidente del Consiglio, ma al senso etico del agire dei singoli e nell'agire nella legalità".

"Comprendiamo quindi, ad esempio, la dichiarazione di Messina di Intesa SP, che propone agli imprenditori di lasciare "spazio" a chi ha più necessità: "Gli imprenditori con notevole ricchezza accumulata in Italia o all'estero dovrebbero lasciare le garanzie di Stato ai settori deboli e far tornare i loro soldi nelle aziende".  Ringraziamo quegli Istituti che a loro volta hanno previsto pacchetti di finanziamenti ad hoc, a supporto della liquidità. Quello che serve, infatti, come immaginabile e come evidenziato durante le Commissioni consiliari dalle associazioni di categoria e dei sindacati dei lavoratori, è proprio la liquidità. Apprendiamo, però, come le Banche non snelliscano i propri processi di analisi ed erogazione, in particolare per quanto riguarda le erogazioni dei finanziamenti legati alle garanzie dello Stato, aumentandone la trasparenza. Da parte delle banche servirebbe quindi un maggiore impegno nello snellimento dell'iter burocratico, già dalla propria clientela, ed un'omogenizzazione degli adempimenti tra i vari Istituti, per questo tipo di investimento". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inoltre, in questo periodo, ma in particolare per quanto riguarda i finanziamenti "legati" all'emergenza Covid-19, riteniamo dovrebbero essere ridotte o azzerate le pressioni commerciali sul personale dipendente di vendita di prodotti/servizi di cross-selling da legare al finanziamento con garanzia dello Stato. Né va nella tutela dell'economia del cliente, né va della tutela del dipendente che assiste il cliente in banca. Ne va dell'etica del lavoro di ognuno, dalle Banche, agli impegni che deve mantenere il Governo a finanziare i fondi di garanzia, agli impegni dei clienti e nel buon lavoro dei lavoratori.  Per quanto riguarda il nostro gruppo, siamo disponibili al confronto anche su queste tematiche, sia del personale dipendente, sia di chi amministra le Banche, così come fatto con le Associazioni di categoria, i Sindacati e tutte le realtà del territorio, sinora".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, due nuovi positivi sul territorio cesenate. Un decesso in Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento