Pasticcio Tasi, Spinelli (Ncd): "Il sindaco non spiega le modalità di restituzione"

"Prendo atto che ancora una volta sindaco e assessore sfuggono alle domande. Non ci dicono con quali modalità e quali tempi attueranno la promessa restituzione"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Prendo atto che ancora una volta sindaco e assessore sfuggono alle domande. Non ci dicono con quali modalità e quali tempi attueranno la promessa restituzione. Spero che la risposta all’interpellanza non si limiti a quanto riferito ai giornali!

Non occorre che ci venga ricordato quanto detto in commissione. Il punto è: si doveva mettere a posto la questione della TASI eccessiva. Non lo si è fatto con l’assestamento di bilancio, perché – come riferito “non c’è stata la proroga al 30 novembre per modificare le imposte”. Si prende atto, ma sta di fatto che i cittadini non hanno visto nessuna diminuzione di tassazione nell’anno! Non è già questo un danno per loro? Pagano di più per una erronea valutazione del Comune stesso!

Preso atto di questo, e visto che il 16 dicembre i cittadini pagheranno la TASI, l’interpellanza è volta a chiarire in che modo il sindaco ha intenzione si mantenere la promessa restituzione, perché non pare affatto facile procedere in modo equo, visto il pasticcio determinato.

Ricordo che – quando venne fuori la questione – il sindaco ha detto testualmente che il tesoretto in più “non andrà in avanzo di bilancio ma verrà immediatamente e totalmente restituita alle famiglie che hanno pagato la TASI”.

Come intenderà quindi procedere l’amministrazione il 17 dicembre?

Stefano Spinelli, consigliere comunale NCD, gruppo Libera Cesena

Torna su
CesenaToday è in caricamento