Parrucchiere ed estetiste, Montalti (Pd) “Valutare riapertura anticipata in sicurezza"

Una interrogazione in Regione per valutare la possibilità di riapertura prima di giugno del settore

 “Ho sottoscritto una interrogazione alla Giunta – afferma la Consigliera regionale Lia Montalti – per sapere se ritiene che, una volta assicurate tutte le procedure indispensabili per evitare il contagio da Covid-19, anche alla luce del meritorio lavoro fatto con le “Linee guida al protocollo sicurezza per il settore benessere” definite da Cna, Confartigianato, Cgil, Cisl e Uil dell’Emilia-Romagna e condivise dalla Regione Emilia-Romagna, e visto lo stabile trend della curva epidemica a seguito delle aperture del 4 maggio scorso, si possa prendere in considerazione un’anticipazione della ripresa delle attività di acconciatura ed estetica rispetto alle date annunciate dal Governo nell’illustrazione del DPCM del 26 aprile, anche per la fine del lockdown imposto dall’emergenza sanitaria, nella piena sicurezza dei lavoratori e dei clienti”.

Un settore che, con 135.000 imprese e oltre 260.000 addetti in Italia, partecipa in maniera determinante all’economia del Paese, oltre a essere essenziale per garantire il benessere e la cura della persona. Il comparto conta, in Emilia-Romagna, 12.000 imprese (di cui quasi il 90% artigiane) che danno lavoro a oltre 23.000 addetti. “Il danno economico a livello nazionale, ad oggi stimato, si aggira sui 1,5 miliardi di euro di perdite, oltre al rischio, sollevato da diverse associazioni di categoria, che il 25% dei saloni potrebbe non riaprire proprio i battenti. – evidenzia Montalti – Si tratta infatti, in molti casi, di piccole attività, che occupano mediamente due persone e quindi capaci di generare fatturati e margini sufficienti a garantire la gestione giornaliera dell’esercizio. Per tutti questi motivi è necessario dare loro la possibilità di una riapertura anticipata e con regole ben precise che, già in questi 60 giorni di chiusura sono state studiate, con la previsione di nuovi tempi e nuove modalità di organizzazione per l’esercizio delle attività nei saloni, con la massima attenzione alla sicurezza dei clienti e del personale addetto. Sono quindi pronte – conclude – soluzioni efficaci che consentono la possibilità di un ritorno al lavoro di questi professionisti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento