menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parentopoli in Comune? Il sindaco: "Solo fango del M5S. Non c'è alcuna assunzione"

Parentopoli in Comune a Cesenatico? Solo “l’ennesimo attacco di fango del Consigliere pentastellato Alberto Papperini”. Iil sindaco di Cesenatico Roberto Buda bolla così l’interrogazione del candidato sindaco M5S che chiedeva conto del trasferimento in Comune della figlia dell’assessore Bernieri

Parentopoli in Comune a Cesenatico? Solo “l’ennesimo attacco di fango del Consigliere pentastellato Alberto Papperini”. Iil sindaco di Cesenatico Roberto Buda bolla così l’interrogazione del candidato sindaco M5S che chiedeva conto del trasferimento in Comune della figlia dell’assessore Bernieri, dipendente di Cesenatico Servizi. In particolare Papperini domandava se il passaggio avesse comportato un entrata nell’organico del Comune, lanciando il sospetto di una “parentopoli” a favore della figlia di un amministratore politico.

Ma Buda risponde per le rime: “Papperini parla di una parentopoli che non esiste. Veronica Bernieri, figlia dell’assessore Mauro Bernieri è dipendente di Cesenatico Servizi e prima del nostro mandato lo era di Gesturist, quindi non c’entra nulla il suo incarico con la presenza dell’Assessore in Comune. Il 24 Novembre il CdA di Cesenatico Servizi d’accordo con Comune ha deciso di spostare dagli uffici della srl a quelli comunali due dipendenti che svolgono funzioni analoghe, questo per rendere più efficiente in termini lavorativi e di formazione il lavoro. Questo processo è già in atto anche per altri dipendenti per esempio nel settore delle affissioni. Questo perché l’organizzazione congiunta nei medesimi luoghi di lavoro permette di evitare duplicazioni di ruoli e raggiungere economie, risparmi oltreché maggiore efficienza ed efficacia vista la gestione congiunta del personale.”.

Tuttavia, precisa Buda “in nessun modo queste localizzazioni organizzative possono portare al passaggio di dipendenti con un contratto di lavoro privato a diventare dipendenti comunali! Tutte queste spiegazioni erano già state date a Papperini al momento del suo accesso agli atti ma il consigliere si è fatto volutamente sordo per sollevare l’ennesimo inutile polverone. Se queste sono le premesse su cui si basa la sua campagna elettorale tempi bui ci aspettano: la politica non si fa con le menzogne e con il discredito ma con proposte concrete e costruttive che evidentemente latitano”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento