rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Politica

Parcheggi in struttura, Di Placido (LibDem): "50 centesimi di demagogia"

A parlare è Luigi Di Placido, esponente dei Liberaldemocratici per Cesena, in merito alla decisione dell’amministrazione comunale di portare a 50 cent/ora il costo dei parcheggi in struttura. 

“Evidentemente le grandi strategie non sono nelle corde dell'Amministrazione Comunale di Cesena. Ultima lampante dimostrazione è l'annuncio delle nuove tariffe per alcuni parcheggi in struttura: 50 centesimi a ora, che dovrebbero servire a dimostrare l'attenzione verso il Centro Storico. Anche la demagogia può costare poco, ma proprio poco”.

A parlare è Luigi Di Placido, esponente dei Liberaldemocratici per Cesena, in merito alla decisione dell’amministrazione comunale di portare a 50 cent/ora il costo dei parcheggi in struttura. 

“Lavarsi la coscienza in questa maniera, dopo tutti i danni provocati, è veramente irritante, tanto quanto il tentativo di farci passare tutti per allocchi. Si cancella il parcheggio di Piazza della Libertà, dicendo che non esiste un problema parcheggi a Cesena: e allora perché la prima cosa che si fa è ridurre le tariffe ai parcheggi in struttura?” si chiede Di Placido.
 
“Se l'Amministrazione pensasse che il Centro Storico non soffrirà per la chiusura di Piazza della Libertà, non avrebbe bisogno di abbassare le tariffe degli altri parcheggi, perché i flussi semplicemente si dividerebbero sulle alternative. E invece lo fa, perché sa benissimo che le cose non stanno così, con ciò ammettendo che si andrà a creare una situazione problematica. Oltretutto, con la diminuzione delle tariffe il Comune incasserà di meno: la differenza sarà compensata da risparmi nel bilancio o da multe e tasse? E perché i parcheggi interessati sono i silos e il Caps?” si chiede ancora l’esponente dei Liberaldemocratici.

“Perché i primi tra qualche anno diventeranno di proprietà del Comune (e quindi andranno riempiti molto più di quanto non lo siano oggi, per non continuare a provocare perdite), mentre il secondo meno lavora e più deve essere "risarcito" dal Comune (quindi altre perdite che si cerca di eliminare o limitare, causate da accordi-capestro iniziali che non tutti conoscono). Ovvio, quindi, voler abituare gli automobilisti a parcheggiare in queste strutture. Altro che visione strategica”.

“A queste misure si aggiunge la gratuità per i residenti in centro, che tuttavia ci chiediamo perché non sia stata pensata e attuata già molti anni fa, visto che il problema non è di ieri e poteva essere risolto agevolmente, se è vero che i parcheggi liberi in struttura nelle ore serali sono molti. E sopratutto ci chiediamo che senso abbia mischiarla con la riduzione delle tariffe, come se fosse un'altra graziosa concessione dell'Amministrazione e non una misura sacrosanta e tardiva. Quindi, con 50 centesimi si cerca di comprare la comprensione e l'approvazione della città, guardandosi bene dal parlare di maggiori risorse per il Centro Storico, di City Manager, di formule integrate turistiche e culturali da creare e valorizzare, di ampliamento del Montefiore che incombe come un macigno sul futuro della città. Lo abbiamo scritto all'inizio: inutile sperare in grandi strategie, ormai conosciamo l'albero e i frutti che può dare”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggi in struttura, Di Placido (LibDem): "50 centesimi di demagogia"

CesenaToday è in caricamento