Oltre 300mila euro dalla Regione per le Pro loco: "Rivitalizzano i piccoli centri"

L'assessore Corsini: "Rivitalizziamo i piccoli centri, soprattutto nelle zone montane e grazie al lavoro di squadra delle associazioni, favoriamo impegno e partecipazione"

L'assessore Andrea Corsini

La Regione investe 340mila euro per le attività di 15 associazioni di pro loco dell’Emilia-Romagna. I fondi, messi a disposizione attraverso un bando della Giunta regionale, sono rivolti all’animazione turistica e alla valorizzazione delle risorse naturali, ambientali, artistiche, storiche e culturali dell’Emilia-Romagna. Obiettivo: premiare la capacità organizzativa e l’efficacia dell’animazione turistica messa in campo dalle pro loco.

“Innovazione, impegno e partecipazione caratterizzano le tante realtà che accompagnano la vita delle piccole comunità- spiega l’assessore regionale a Turismo e commercio, Andrea Corsini-. Si tratta di attività importanti per rivitalizzare i piccoli centri, soprattutto in zone montane, e che coinvolgono diverse associazioni che lavorano insieme. Con questo bando la Regione riconosce l'impegno sociale e premia una forma di volontariato forte, presente su tutto il territorio regionale e capace di rafforzare la coesione di comunità, mettendola a servizio della valorizzazione del territorio, della sua identità, dei suoi prodotti di eccellenza, aumentando così l'offerta turistica locale”.

Le attività sostenute riguardano la promozione di servizi e prodotti tipici turistici, del patrimonio storico locale ed eventi di valorizzazione del territorio. I contributi vanno dal 60 all’80% della spesa prevista nei progetti presentati.

I finanziamenti

Nel dettaglio, alla provincia di Forlì-Cesena spetteranno oltre 101 mila euro: quasi 30 mila euro sono destinati all’associazione pro loco Terra del Sole (Terra del Sole, Bocconi, Castrocaro Terme, San Benedetto dell’Alpe, Dovadola, Forlimpopoli, Modigliana e Portico di Romagna); 29.940 euro andranno all’associazione pro loco Cusercoli Chiusa d’Ercole che raggruppa Cusercoli Chiusa d’Ercole, Civitella di Romagna, Civorio, Corniolo Campigna, Fiumana, Meldola, Mevaniola, Predappio alta, Premilcuore, Santa Sofia, San Zeno e Spinello. 

L’associazione proloco San Piero in Bagno (San Piero in Bagno, Bagno di Romagna Terme, Borello Valle del Savio, Lago di Quarto, Mercato Saraceno, Montecastello, Pieve di Rivoschio, Sarsina, Selvapiana e Ranchio) riceverà 29.940 euro. Infine all’associazione pro loco Aisem che raggruppa Aisem di San Mauro Pascoli, Borghi, Monteleone, Montiano, Calisese Invita e Longiano andranno quasi 11.700 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sale il numero di positivi: nessun caso in Romagna, 19 in Emilia

  • Coronavirus, la decisione in Emilia-Romagna: asili nido, scuole e università chiuse fino al 1°marzo

  • Scuole aperte o chiuse? "Ritorno progressivo alla normalità". Decisione dopo l'incontro coi sindaci

  • Coronavirus, sale il numero dei contagi in Regione: c'è il primo caso in Romagna

  • Tragico epilogo nelle ricerche, trovato morto l'anziano scomparso a Pievesestina

  • Coronavirus, l'aggiornamento: 47 casi in Regione: a Rimini altri 2 contagi. Paziente partorisce bimbo non positivo

Torna su
CesenaToday è in caricamento