rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Politica Bagno di Romagna

Occupazioni di suolo pubblico per le attività: proroga dell'esenzione a Bagno di Romagna

E’ quanto ha deliberato martedì scorso il Consiglio Comunale su proposta della Giunta guidata dal Sindaco Marco Baccini.

Il Comune di Bagno di Romagna rende gratuita l’occupazione di suolo pubblico ai pubblici esercizi fino al 30 settembre. E’ quanto ha deliberato martedì scorso il Consiglio Comunale su proposta della Giunta guidata dal Sindaco Marco Baccini.

Proprio il Sindaco spiega che è stata approvata una nuova e seconda proroga dell’esenzione dal pagamento del Canone Unico Patrimoniale (ex Tosap) sino al 30 settembre prossimo, derogando all’obbligo di pagamento previsto dal Governo. Il Governo, infatti, ha consentito ai pubblici esercizi di occupare il suolo pubblico con l’installazione di dehors e simili fino al 30 settembre 2022, senza richiedere le autorizzazioni prescritte dal “Codice dei beni culturali e del paesaggio”, ma non ha prorogato l’esenzione dal pagamento del canone unico, che è cessata il 31 marzo. Al riguardo – spiega Marco Baccini – in coerenza con le stesse ragioni per le quali abbiamo prorogato l’esenzione dal pagamento sino al 30 giugno, abbiamo ritenuto di riconoscere una seconda proroga, che in sostanza estende l’esenzione sino al 30 settembre. Si tratta di una manovra di sostegno alle attività produttive ed in particolare al settore del commercio dei nostri centri urbani, con un alleggerimento del carico di spese che auspichiamo serva come stimolo a garantire adeguati servizi ai cittadini e turisti durante il periodo estivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazioni di suolo pubblico per le attività: proroga dell'esenzione a Bagno di Romagna

CesenaToday è in caricamento