E' il sindaco di Bertinoro Gabriele Antonio Fratto il nuovo presidente della Provincia

Hanno votato complessivamente 264 tra sindaci e consiglieri comunali, pari al 61,68% dei 428 aventi diritto al voto

E' il sindaco di Bertino, Gabriele Antonio Fratto, il nuovo presidente della Provincia di Forlì-Cesena. Il successore di Davide Drei ha riportato il maggior numero di voti ponderati pari a 47.010. L'altro candidato, Gianluca Vincenzi, ha riportato un numero di voti ponderati pari a 22.533. Hanno votato complessivamente 264 tra sindaci e consiglieri comunali, pari al 61,68% dei 428 aventi diritto al voto. Le operazioni di scrutinio sono iniziate subito dopo la chiusura del seggio allestito nella sede della Provincia, in piazza Morgagni.

Vincenzi ha rivolto a Fratto "i sinceri auguri di buon lavoro. Desidero ringraziare tutti coloro che si sono mobilitati per me, dimostrandomi stima e sostegno; purtroppo, come facilmente prevedibile, ha vinto la solita politica corporativa che premia la bandiera anche a discapito del proprio territorio". "Mi riferisco in particolare al bruttissimo risultato ottenuto nei comuni appartenenti alla fascia tra i 10.000 ed i 30.000 abitanti ed in particolar modo ai Comuni di Savignano, San Mauro, Gambettola e Cesenatico che hanno ritenuto che a presiedere la nostra Provincia fosse ancora un sindaco del territorio forlivese - attacca -. Anulla sono valse tutte le loro lagnanze ed i loro piagnistei che più volte hanno manifestato nella Giunta dell'Unione del Rubicone contro la Provincia, fortemente sbilanciata sui grandi centri di Forlì e Cesena". Vincenzi sottolinea anche la bassa affluenza alle urne: "Vorrei segnalare a tutti i colleghi consiglieri e sindaci che un'affluenza del 61% non è certo un buon esempio che diamo ai nostri concittadini, verso i quali molto spesso lamentiamo uno scarso interesse alla partecipazione al voto. Peccato per l'occasione persa. Con l'auspicio che il futuro della nostra Provincia sia più roseo e "riordinato" del presente, rivolgo i miei auguri di buon lavoro a tutto il personale di questo Ente barbaramente falcidiato da una politica sconclusionata e senza sicure prospettive". 

GOZZOLI - Commenta il sindaco di Cesenatico, Matteo Gozzoli: "Le Province da anni sono in difficoltà a causa dei tagli delle risorse e del personale; i risultati si vedono sopratutto in termini di manutenzioni di strade e scuole. I prossimi anni saranno importanti per definire che risorse assegnare a questi Enti che non possono continuare a gestire beni così importanti senza possibilità di programmare investimenti. Il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 ha sancito la loro esistenza, ora serve un progetto di riforma a livello statale che le riorganizzi. Ringrazio il sindaco di Forlì Davide Drei che dal 2014  ha svolto il ruolo di presidente tra tante difficoltà e impossibilità di fare programmazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Bilancio più che positivo per il centrosinistra e per il Pd alle elezioni provinciali. Mi congratulo con i nuovi presidenti di Provincia e con Gabriele Fratto - commenta il segretario del Pd dell'Emilia-Romagna Paolo Calvano - Abbiamo ottenuto questi risultati grazie alla compattezza del Pd e del centrosinistra e grazie ad una capacità di dialogo con alcune forze civiche che possono consentirci di allargare il campo anche in futuro. La destra vince a Piacenza con una candidata unica eletta però con meno del 50 per cento di partecipazione. Il M5S invece ormai ha preso l'abitudine di dire una cosa e farne un'altra. Avevano dichiarato di non partecipare al voto, invece i loro rappresentanti sono andati a votare e hanno votato a destra. Il M5S è ormai un'appendice della Lega, sia al Governo del Paese che nel territorio. Anni fa quando a Comacchio i rappresentanti del 5 Stelle parteciparono al voto per le Province furono cacciati, oggi non succederà perché hanno cambiato pelle e i fatti lo dimostrano". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento