Morta in ambulanza, il M5S in Regione: "Scelta per risparmio, non per il paziente"

Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, consiglieri regionali del M5S, intervengono sul caso del decesso della cesenate 85enne

Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, consiglieri regionali del M5S, intervengono sul caso del decesso della cesenate 85enne in trasferimento tra i reparti di cardiologia da Cesena a Forlì per un’emergenza cardiologica, e contestano la presa di posizione dell'Ausl sostenendo che la nuova organizzazione corrisponde a scelte di risparmio e non a reale tutela della salute dei cittadini.

“Una cittadinanza di poco inferiore a 1.200.000 abitanti e con una presenza turistica di milioni di persone, ha bisogno di un servizio di cardiologia interventistica che consenta d’intervenire sugli episodi acuti anche nei fine settimana e dopo le 14 nei giorni feriali evitando in tal modo il trasporto a Forlì dei pazienti colpiti da infarto miocardico”, dicono i consiglieri 5 stelle Andrea Bertani e Raffaella Sensoli dopo la morte della donna colpita da infarto nella seconda metà di luglio.

“Esiste forse una probabilità in più di salvarsi se a Cesena ci si sente male di mattina?”, si chiedono i due consiglieri pentastellati che rivolgono un'interrogazione alla giunta riguardo l’attuale organizzazione dell’Ausl della Romagna e in particolare del Bufalini, il principale dei tre ospedali del presidio di Cesena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto dichiarato dall’Ausl, il decesso è avvenuto “verosimilmente a causa di una embolia polmonare”, ma secondo Bertani e Sensoli l'azienda sanitaria "nel puntualizzare sull'orario di aggravamento delle ore 15 della sintomatologia cardiaca sembra voler attribuire la colpa dell'infarto pomeridiano, o dell'embolia polmonare che dir si voglia, piuttosto alla paziente, che non avrebbe anticipato l'evento in orario più propizio per la disponibilità dell'equipe”. “E' tristemente banale questo atteggiamento, ma soprattutto non consono al ruolo dell’Ausl”, sottolineano i consiglieri che suggerisce un nuovo modello di organizzazione (già proposto dal gruppo M5s di Cesena al Comune): l'emodinamica sia nel reparto di urgenza di Forlì che in quello di Cesena. E una equipe unica tra le due città che si attiva dove viene richiesto il primo intervento nella fascia condivisa dalle 14 alle 8 del mattino successivo. Un intervento che "ci può stare", specificano Bertani e Sensoli, "considerando una popolazione romagnola di poco inferiore a 1.200.000 abitanti e con una presenza turistica di milioni di persone”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento