"Modello Centro di Cesena", via libera alle idee: il sindaco dice "stop alle solite guerre"

Il sindaco di Cesena Paolo Lucchi risponde al capogruppo dei liberaldemocratici Luigi Di Placido, affermando che bisogna "lavorare sul "modello centro di Cesena"

Il sindaco di Cesena Paolo Lucchi risponde al capogruppo dei liberaldemocratici Luigi Di Placido, affermando che bisogna “lavorare sul "modello centro di Cesena”, ma per farlo occorre uscire dai fortini”". Di Placido infatti chiedeva una “vera e propria sfida, nella quale ognuno degli interlocutori dichiara chiaramente cosa vuole che il Centro Storico diventi e come lo vuole ottenere". “Personalmente ritengo che attorno al futuro del nostro centro storico passi una parte importante di quel futuro equilibrato di Cesena verso il quale, pur in questa fase così difficile, è doveroso che gli amministratori pro tempore della cosa pubblica operino”, esordisce il primo cittadino.

UNA NUOVA CESENA - Lucchi esprime apprezzamento per la nota di Di Placido, “che non tende a stringere il nostro campo d'azione alle sole difficoltà con le quali si stanno scontrando le imprese della nostra rete commerciale, in centro così come in ognuna delle nostre numerose frazioni”.  Si deve discutere “non della possibilità di "tenere" i nostri consumi, ma della capacità di tutti noi di produrre qualcosa di nuovo, non per Cesena ma per l'intera Romagna. So già che qualcuno potrebbe criticare questa affermazione, ma non posso fare a meno di sognare la città che arriverà fra poche settimane: quella che saprà proporre, mentre troppi hanno sottovalutato la cosa, un luogo di vita, di storia, di cultura, di valori, come la nuova Biblioteca Malatestiana, che ci renderà ancor più orgogliosi di essere cesenati; quella che potrà vedere i suoi abitanti (e tanti altri romagnoli) vivere all'interno di uno straordinario magnete commerciale moderno ed antico come il Foro Annonario; quella che già oggi vede 200.000 persone all'anno muoversi su bus fucsia che rappresentano un esempio europeo di mobilità senza eguali, almeno in Romagna. Ho volutamente unito con un unico filo rosso Malatestiana, Foro, bus scambiatori (che hanno motivazione e forza ben diverse e certo separabili), perché ritengo che, in realtà, da fine 2013 in poi, noi dovremo lavorare sul "modello centro di Cesena". Quello di un centro storico che avrà più motivi d'attrazione e di aggregazione, che saprà auto-promuoversi puntando sulla propria unicità, su di un'originalità che ci pone in vantaggio su chiunque altro”.

COME LAVORARE - Secondo Lucchi, “per riuscirci, servirà però uscire dai fortini nei quali, ragionando di centro storico, un po' tutti ci siamo rinchiusi da sin troppo tempo. Diciamoci la verità, da almeno 20 anni a Cesena dura una sorta di guerra di posizione, all'interno della quale qualcuno ha identificato tutti i problemi nell'assenza di parcheggi ed in una pedonalizzazione non condivisa e qualcun altro ha negato pervicacemente che così fosse. Oggi quella guerra di trincea è semplicemente anacronistica, superata ampiamente dalla crisi dei consumi alla quale non si potrebbe porre rimedio stabilmente neppure costruendo, con una bacchetta magica, dalla mattina alla sera, 10.000 nuovi posti auto. Che rimarrebbero tristemente vuoti (come tanti di quelli che già abbiamo) o che si riempirebbero di auto destinate a trasportare donne ed uomini pieni di voglia di incontrarsi ma senza la possibilità di fare acquisti, come avviene sempre più spesso durante i nostri eventi, partecipatissimi, ma frequentati da persone che sanno bene di potersi permettere consumi inferiori rispetto al passato. D'altra parte, a me pare necessario lavorare collettivamente sulla percezione di una difficile raggiungibilità del nostro Centro Storico, aumentata anche a seguito di un dibattito spesso orientatosi in questa direzione, offrendo, soprattutto all’esterno, l’immagine di una Cesena quasi chiusa. Sarà possibile, anche grazie a nuove iniziative in grado di coinvolgere il trasporto pubblico ma anche i parcheggi attualmente a disposizione”. “Questo, in particolare, dovrà essere il compito precipuo della “Cabina di regia per il centro storico” già operativa, affiancata da una politica e da un Associazionismo che discute e ragiona, senza chiudersi. Tra l'altro ho la personale convinzione che sognando e costruendo in maniera diversa un nuovo modello per il centro storico e per la sua rete commerciale, in realtà costruiremmo un nuovo modello attrattivo anche per imprese commerciali delle nostre frazioni, alle quali si devono dedicare le stesse attenzioni, poichè oggi la crisi colpisce "sotto la cintura" i commercianti di Via Zefferino Re come quelli di Macerone, Calisese, Borello, Pievesestina”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ELEZIONI - “In conclusione della sua nota, lei indica le prossime elezioni amministrative come il momento nel quale si dovrà discutere di questi temi. - chiude Lucchi - Condivido la sua valutazione e mi permetto di sperare che la fase di preparazione del prossimo confronto amministrativo non sia, come accaduto quasi sempre nel recente passato, tutta giocata esclusivamente sui soliti temi collegati a parcheggi e pedonalizzazione del centro storico. Forse quest’avvio di nuovo dialogo, sarà il primo banco di prova di un auspicio che mi auguro non resti solo di pochi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento